domenica, 23 Gennaio, 2022
Economia

Confindustria: imprese e consumi, rimbalzo positivo e Pil 6.3%. Preoccupano: materie prime, energia e varianti Covid

A novembre un “rimbalzo” del terzo trimestre, con il Pil in chiusura al 6,3/6,4%. Confindustria vede la ripresa con alcuni ostacoli: “la scarsità di materie prime i contagi e il caro bollette”.

Balzo e rallentamenti

Grazie al robusto rimbalzo del terzo trimestre e ai dati migliorati nei primi tre mesi dell’anno, “il 2021 per l’Italia potrebbe chiudersi con un Pil al +6,3/6,4%, più di quanto previsto in ottobre”, sottolinea Confindustria, si tornerebbe così al livello pre Covid nel 1° trimestre 2022. “Risultato non scontato visti i mancati recuperi nelle crisi precedenti. Nel quarto trimestre”, evidenzia la nota, “però, si sta delineando l’atteso rallentamento, per la scarsità di materie prime e semilavorati e la risalita dei contagi in Italia e in Europa, che fanno perdurare l’alta incertezza. Incertezza accresciuta nelle ultime con i primi casi della nuova variante sudafricana Omicron”.

Imprese e occupati in crescita

La fiducia, nel rilievo di Confindustria, è in crescita, le imprese di servizi hanno retto a novembre, con buone attese sugli ordini, mentre il Pmi ha iniziato il 4° trimestre in calo, sebbene sopra i 50 punti. Una frenata fisiologica.
Si conferma l’andamento positivo, inoltre, nel 2021: il numero di occupati, dopo il minimo nel 1° trimestre, “ha recuperato più di metà della caduta fino a settembre”, calcola Confindustria, “mentre i dipendenti sono quasi ai livelli pre-pandemia (-62mila unità i permanenti, -14mila i temporanei), il calo dei lavoratori indipendenti non si è ancora arrestato (-312mila). Da gennaio ad ottobre, le attivazioni nette sono state circa 600mila, quasi 500mila in più rispetto al 2020 e oltre 190mila in più rispetto al 2019.
 

Il traino dei consumi

La rilevazione di Confindustria indica nei consumi privati il traino della crescita. I margini recupero sono ampi: la spesa in servizi è ancora compressa; così come le immatricolazioni di automobili, che stanno recuperando, ma in misura parziale rispetto al crollo del 2020 (+12,8% fino a ottobre, dopo -30,9%).

Caro energia

A preoccupare le imprese sono proprio i prezzi dell’energia. Il prezzo del gas naturale, che fino ai primi mesi del 2021 era rimasto contenuto, si è progressivamente impennato a partire da maggio. “Ora è la commodity che mostra il rincaro maggiore: +430% nel corso di quest’anno, cioè prezzo quintuplicato”, sottolinea Confindustria, “Il balzo del prezzo del gas ha determinato un forte effetto di spillover sul petrolio, salito in ottobre da 75 a 84 dollari al barile, dopo una quasi-stabilizzazione che durava da alcuni mesi. Tra i principali paesi europei, l’Italia è quello più esposto al rincaro del gas naturale”. L’anno peggiore, finora, è stato il 2012, al culmine del precedente picco dei prezzi delle commodity: la bolletta energetica era arrivata a 64,9 miliardi.
Sponsor

Articoli correlati

Pil vicino al rimbalzo. Confindustria vede la ripresa

Angelica Bianco

Il peso del reddito di cittadinanza nel voto di Napoli

Lino Zaccaria

Artigiani. Dario Costantini nuovo presidente Cna. Imprenditore con la passione del sociale

Francesco Gentile

Lascia un commento