lunedì, 6 Dicembre, 2021
Attualità

Draghi: Expo 2030 a Roma. L’Italia che non ha paura di essere l’Italia 

Nel 2016 il fervore iconoclasta dei 5Stelle bruciò sul rogo dei NO le Olimpiadi a Roma del 2024.

Un gesto di vigliaccheria politica che umiliò il nostro Paese rafforzando l’orrido cliché della presunta inevitabile corruzione degli italiani e della loro altrettanto presunta incapacità di gestire eventi mondiali.

Ci voleva uno statista di caratura internazionale come Draghi per rovesciare quel vergognoso autodafè imposto dai populisti e dire, alto e forte, che l’Italia rivendica il suo ruolo di grande potenza civile e culturale oltre che economica e che ha tutte le carte in regola per organizzare manifestazioni di grande prestigio. Candidare Roma per l’Expo2030, dopo il grande successo di Milano nel 2015, è un segnale di svolta. Il nostro Paese vuol tornare ad essere una nazione che non si vergogna di sè, non ha paura di essere se stessa e non si sottrae alle sfide più complesse.

In questo contesto è cruciale il ruolo della Capitale: umiliata, degradata a brutta copia di sé stessa, percepita come un suk dove regnano caos, sporcizia, sciatteria. Con I cinghiali eretti a simbolo dell’abbandono e del non-governo della città. Il prossimo sindaco di Roma dovrà misurarsi con problemi enormi, ma avrà a Palazzo Chigi un leader forte che vuole “salvare” Roma e farla tornare a volare alto. Nel 2025 ci sarà il Giubileo. Se nel 2030 si svolgesse l’Expo, Roma avrebbe un decennio di grandi risorse per ripensare se stessa da cima a fondo e realizzare opere che da 50 anni aspettano di essere progettate e attuate. La capitale è sempre il simbolo di un Paese. L’Italia che rinasce dopo il Covid ha bisogno di una Roma che rialza la testa dalle ceneri dei Neroni del terzo millennio.

Sponsor

Articoli correlati

Paolo Coscione: riqualificare i quartieri di Roma puntando sui giovani

Angelica Bianco

Sisma Centro Italia, Draghi a familiari vittime: “Lo Stato vi è vicino”

Redazione

Sostegno convinto dei Verdi europei al candidato della sinistra. Bonelli e Francescato: Roma sia capitale verde

Cristina Calzecchi Onesti

Lascia un commento