domenica, 25 Luglio, 2021
Sanità

Chiusi 173 ospedali, meno 43 mila i tra medici e infermieri

Più che le parole sono i numeri a illustrare i preoccupanti limiti (ci sarebbe da dire fallimenti) del Sistema sanitario in Italia. L’impatto con il Covid ha inoltre accelerato in modo drammatico le già vistose carenze. 

I dati da cui partire, infatti, sono quelli pubblicati nel nuovo annuario statistico del Sistema sanitario nazionale, del Ministero della Salute relativi al 2019 – quindi pre pandemia – dai numeri è possibile fare diverse riflessioni e porre interrogativi. In particolare nell’arco di dieci anni cosa è avvenuto? Tra il 2010 e il 2019 – quindi con Governi diversi e maggioranze politiche diverse – sono stati tagliati 173 ospedali, con una riduzione di personale di 46 mila persone, tra dipendenti e medici convenzionati. 

 

TAGLI A POSTI LETTO E CONSULTORI

Riduzione di strutture e di conseguenza anche di posti letto: in 10 anni tra pubblico e privato sono stati tagliati 43.471 letti tra degenze ordinarie, day hospital e day surgery. In discesa anche il numero dei Consultori: ne sono stati chiusi 1 su 10 – erano 2.550 nel 2010 contro i 2.277 del 2019 -. Sono cresciuti invece i Centri di Salute mentale, erano 1.464 dieci anni e fa sono diventati 1.671 nel 2019.

Nel contempo l’assistenza territoriale con quella domiciliare è cresciuta in modo lento e disomogeneo. Stando alle percentuali, inoltre, è stato chiuso il 15% delle strutture ospedaliere pubbliche. In totale le 1.165 strutture di assistenza sono passate a 992, con un calo drastico di quelle pubbliche e una riduzione contenuta di quelle private. Ridotte in modo consistente anche i punti per l’assistenza specialistica ambulatoriale: erano 9.635 nel 2010 e sono scese a 8.798 dieci anni dopo. Ancora più marcato il taglio dell’assistenza Territoriale residenziale che a fronte delle 9.635 strutture presenti nel 2010 ne conta 7.683 nel 2019. In controtendenza l’assistenza territoriale semi residenziale che invece vede crescere le strutture: erano 2.644 nel 2010 e sono 3.207 nel 2019. 

 

RIDUZIONE DEL PERSONALE MEDICO SANITARIO

In crescita il settore e le strutture riabilitative, che sono passate da 971 strutture è passata 1.141. Capitolo ancora più difficile da comprendere, rispetto ad una nazione che invecchia, e con un numero di persone da assistere in costante crescita, è la riduzione del personale sanitario: in 10 anni si registrano 42.380 unità in meno (-6,5%). Nello specifico 5.132 medici in meno: erano 107.448 nel 2010 e nel 2019 sono scesi a 102.316; e 7.374 infermieri in meno: erano 263.803 nel 2010 e nel 2019 sono scesi a 256.429. Altra emorragia è quella dei medici di famiglia dai 45.878 che erano nel 2010 sono diventati 42.428 nel 2019 (-3.450). In calo anche i pediatri (-310 in 10 anni per un totale nel 2019 di 7.408 unità). In frenata anche i medici di continuità assistenziale (ex guardia medica) che dai 12.104 che erano nel 2010 sono diventati 11.512 nel 2019 (-592). Questi i numeri a cui per ora non sono seguite analisi e commenti politici. Le attese sono tutte legate al Piano nazionale di Rinascita, ma anche in questo contesto ci sono dubbi sulla effettiva efficacia delle misure che saranno intraprese.

Sponsor

Articoli correlati

Pensioni. “Medici e infermieri come militari combattenti”

Angelica Bianco

Dalla Fimmg, al pronto soccorso, fino al personale in corsia, ecco le voci critiche di chi è in prima linea: troppi malati gravi in attesa e ospedali in ginocchio

Maurizio Piccinino

Covid, Aiop: “Sinergia pubblico-privato per ridurre i tempi”

Giulia Catone

Lascia un commento