domenica, 25 Luglio, 2021
Attualità

Ripresa e resilienza fanno leva sul precariato

Sono i precari, finora, il fattore principale che dà slancio alla nostra economia.
A gennaio, nell’industria e nei servizi sono ben 200.000 i contratti a tempo stipulati da gennaio e tale caratteristica coinvolge anche l’immediato futuro.

È un fenomeno già leggibile nella tendenza degli scorsi anni: fino al terzo trimestre del 2019, il 94% della crescita economica era sulle spalle di ben 774.000 occupati a termine, di mezzo milione di partite iva (ora scomparse) e di soli 51 mila lavoratori beneficiari di contratti a tempo indeterminato.

Se questa tendenza dovesse non solo continuare, ma rafforzarsi, avendo come prime vittime le donne lavoratrici, sarà provata, da una parte, la propensione di molti imprenditori a enfatizzare flessibilità e rotazione degli addetti alla produzione e dall’altra, il permanere di una condizione frustrante per molti lavoratori, tale da scoraggiare soprattutto i giovani a costituire una famiglia e a incrementare gli avvilenti tassi di natalità.

Retribuzioni incerte e a volte molto contenute coniugate con un costo della vita evidente e le insufficienze croniche di politiche per la famiglia, la tutela degli anziani, la cura e l’avvenire dei figli sono destinate a incidere in negativo sugli ambiziosi e giusti obbiettivi del piano governativo per l’impiego delle risorse comunitarie.

Ancora una volta, sarà opportuno che coloro che contano, nelle istituzioni come nell’economia e nella società, ascoltino gli appelli di Papa Francesco perché, se sarà possibile uscire dalla pandemia, non sarà facile vivere sul filo della miseria.

Sponsor

Articoli correlati

Scuola, sui precari saltano le trattative. Sindacati: “ora mobilitazione”

Maurizio Piccinino

Coronavirus, per 60% degli italiani scuole pronte a riaprire a settembre

Redazione

Intervista a Giuliano Cazzola su 50 anni di riforme della previdenza. Pensione a 3 gambe: fiscalità generale, contributi e complementare

Cristina Calzecchi Onesti

Lascia un commento