giovedì, 23 Settembre, 2021
Ambiente

Parte da Pantelleria Pfu zero di Marevivo ed EcoTyre

PANTELLERIA (TRAPANI) (ITALPRESS) – Riprende il viaggio di Marevivo ed EcoTyre in giro per l'Italia alla ricerca di PFU, a terra e in mare. L'iniziativa a favore dell'ambiente e della salvaguardia del mare, grazie alle raccolte straordinarie organizzate da EcoTyre e realizzate con il prezioso contributo dei volontari di Marevivo, è giunta all'ottava edizione. I PFU sono rifiuti che se lasciati in natura sono classificati come permanenti, cioè non si deteriorano, restano lì, in mare o in natura, per centinaia di anni. Se ben gestiti, invece sono riciclabili al 100% e si trasformano in una risorsa perché il polverino derivante dalla loro lavorazione può essere impiegato in tantissimi utilizzi, dalle pavimentazioni antiurto ai pannelli fonoassorbenti, passando dall'arredo urbano agli asfalti modificati. Proprio per favorire il riciclo della gomma, EcoTyre ha sviluppato, negli ultimi anni, il progetto "Da gomma a gomma", che ha consentito il reimpiego del polverino da PFU per la produzione di pneumatici nuovi. La prima tappa di questa ottava edizione è stata un successo: EcoTyre ha portato via dall'isola di Pantelleria complessivamente 13.500 kg di PFU, una parte (circa 500 kg) raccolta grazie alle operazioni dei diving DIVE-X di Cala Gadir, Green Divers di Pantelleria e Yam Sub Diving & Salvage che hanno ripulito il Porto Nuovo dai PFU che giacevano sul fondo del mare. L'altra parte (13.000 kg) è stata raccolta a terra grazie anche all'impegno dei panteschi che hanno ben gestito il fine vita delle proprie gomme. Il viaggio di Marevivo ed EcoTyre quest'anno è ricco di tappe, ben 10: dopo Pantelleria, sarà la volta di Lampedusa, Ustica, Marsala, Cefalù, Milazzo, La Maddalena, Cagliari, Chioggia e Sapri. "Ripartiamo con questa iniziativa di raccolta di PFU che coinvolgerà tante isole, anche minori – ha detto Enrico Ambrogio, presidente EcoTyre – questo perché sono territori più difficili da raggiungere e che quindi spesso vengono dimenticati ma non da EcoTyre". Per Carmen di Penta, direttore generale di Marevivo "Pantelleria ci aspettava. Grande risultato a terra, oltre 13.000 kg che segnano un'importante attenzione da parte dei cittadini". (ITALPRESS). fag/ads/com 21-Mag-21 19:00

Sponsor

Articoli correlati

Banca dati Enea sul ciclo di vita di prodotti e servizi per imprese e Pa

Redazione

Completata la sessione 2021 per la marcatura delle Aquile di Bonelli

Redazione

Le perdite idriche nel Mezzogiorno sfiorano il 50%

Giulia Catone

Lascia un commento