mercoledì, 16 Giugno, 2021
Agroalimentare

Nell’industria alimentare 1.227 contagi e 10 morti per covid

ROMA (ITALPRESS) – Al 31 marzo, secondo i dati Inail, le denunce di infortunio sul lavoro da Covid-19 relative al settore dell'industria alimemntare, in cui l'Inail ha contato nel 2019 circa 45mila aziende assicurate con quasi 400mila addetti, concentrati per oltre un terzo nella produzione di prodotti da forno e a seguire nell'industria lattiero-casearia, nella lavorazione di carni e nella produzione di altri prodotti alimentari come zucchero, tè e caffè, sono state 1.227, tra cui 10 decessi. Dopo il picco rilevato nell'aprile 2020, con poco più del 7% dei contagi sul lavoro da Covid-19 denunciati all'Inail, l'industria alimentare ha toccato il 12% dei casi nel mese di agosto, in corrispondenza di alcuni focolai che hanno interessato, in particolare, la trasformazione delle carni. Ad avere l'impatto maggiore è stata la seconda ondata delle infezioni, che ha raggiunto il suo apice in novembre, nel quale si è concentrato un terzo di tutte le denunce del settore. Circa il 60% dei casi ricade nel trimestre ottobre-dicembre 2020, mentre i primi tre mesi di quest'anno si sono caratterizzati per un forte ridimensionamento del fenomeno. Poco meno del 60% dei contagi professionali riguardano l'industria lattiero-casearia, seguita dal'industria della lavorazione delle carni (22%), dalla lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi (11%) e dai prodotti da forno (7%). La componente femminile conta il 53,1% delle denunce del comparto, percentuale inferiore rispetto a quanto osservato sul totale delle infezioni di origine professionale (69,3%). L'età media dei contagiati è di 47 anni e la classe di età più colpita è quella compresa tra i 50 e i 64 anni, con il 45,7% dei casi, seguita dalle fasce 35-49 anni (40,8%), under 35 (12,6%) e over 64 (sotto l'1%). Le categorie più colpite sono quelle degli artigiani e operai specializzati delle lavorazioni alimentari e, in particolare, i macellatori, con poco meno di 200 denunce da inizio pandemia. Allargando l'osservazione all'insieme degli infortuni sul lavoro, nel quinquennio 2015-2019 l'andamento delle denunce è stato moderatamente crescente fino al 2019, quando si è registrato un calo del 2% rispetto all'anno precedente. I primi dati provvisori del 2020, segnato dalla pandemia, indicano una consistente flessione (-14%), con i casi denunciati che si fermano a circa novemila. (ITALPRESS). ads/com 05-Mag-21 19:38

Sponsor

Articoli correlati

Macfrut, Piraccini “Opportunità per intera filiera ortofrutta”

Redazione

Coldiretti, gelo fa strage di frutta e verdura

Redazione

Torna “Agricoltura100”, progetto che premia le aziende sostenibili

Redazione

Lascia un commento