giovedì, 6 Maggio, 2021
Lavoro

Crollo dell’occupazione: lavoro autonomo persi 900 mila posti

La caduta occupazione nel commercio non si ferma e i numeri sono sconfortanti. 

La Confesercenti riferisce una perdita di circa 900mila posti di lavoro. In particolare la maggior parte arriva dai contratti a termine e dagli indipendenti.
“La pandemia spazza via il lavoro autonomo”, si legge nella nota di Confesercenti, “questi ultimi segnano una caduta del 6,6%, pari a 345mila unità, rispetto a febbraio 2020: il dato più elevato in percentuale”.
“La ripresa, purtroppo, è ancora lontana e le imprese non ce la fanno più, le risposte finora ricevute sono state insufficienti”, sottolinea Confesercenti, “lo ribadiamo, senza una decisa inversione di tendenza, nel 2021 sono a rischio chiusura altre 450mila imprese, di cui 250mila nel commercio, turismo e servizi”. Per la Confederazione serve un vero cambio di passo: “è fondamentale accelerare e dare concretezza al decreto imprese e al decreto Sostegni Bis, di cui si sono perse le tracce”, conclude la Confesercenti, “fino ad oggi le imprese hanno vissuto nell’incertezza, ora bisogna metterle in sicurezza”.
Sponsor

Articoli correlati

Scuola-lavoro, la rivoluzione comincia dagli istituti tecnici

Angelica Bianco

Declina il Mezzogiorno

Redazione

Italia sovrana in Europa sovrana

Carlo Pacella

Lascia un commento