martedì, 22 Giugno, 2021
Attualità

UIL: contratti stabili e assunzioni e meno alunni per classe

Una riforma della scuola, con assunzioni e stabilità contrattuale che superi l’ottica pre-Covid. È la richiesta della Uil scuola che vuole mandare in soffitta le “vecchie ricette” e sollecita il Governo a prendere decisioni coraggiose. Il progetto del sindacato è racchiuso in tre parole: “Unico, triennale, espansivo”. Per la Uil, tuttavia, c’è il rischio che tornino a riaffermarsi vecchie logiche, vecchi interessi, e anche proposte opache che non gioveranno al mondo della scuola. Per il sindacato la svolta deve essere decisa e puntuale sulle caratteristiche di una riforma ampia e inclusiva, che spazzi le vecchie regole. La prima riforma che il sindacato chiede è sull’organico. “Un organico che unisca ‘diritto’ e ‘fatto’, che sia strutturato su un triennio, al termine del quale le persone hanno un contratto stabile, che superi l’ottica pre-Covid”.

 

RIFORME NECESSARIE

Per la Uil è il momento di portare innovazioni e riforme concrete.
“Ci vuole coraggio e volontà politica se si vuole partire da settembre come ha affermato il ministro Bianchi. L’organico non va solo aumentato riducendo gli alunni per classe ma rivoluzionato con organici pluriennali che darebbero stabilità e continuità didattica”. La Uil, tuttavia, con disappunto registra che a livello ministeriale, si ragioni ancora con modelli e metodi lontani dalla nuova realtà.
“Ci troviamo, invece, alla proposta di riduzione di 650 docenti compensata dall’incremento di 5 mila posti per il sostegno, come se si potessero fare scambi tra categorie come saldi finanziari.
Non è tempo di politiche di contenimento ma di politiche espansive”.
I contingenti che il ministero ha annunciato, per il sindacato, non rispondono alla necessità di ridurre il numero degli alunni per classe, condizione necessaria per riportarli in presenza e in sicurezza. Per la Uil si è di fronte a “Ricette vecchie, parametri vecchi”
“Non possiamo andare dietro alla polemica del recupero di alcuni giorni a giugno, utile a quanti vogliono continuare a sferrare attacchi ai docenti e a chi li rappresenta. Si affaccia”, sottolinea con preoccupazione il sindacato, “come per magia la vecchia politica che interviene su aspetti che non sono scuola, ma assistenza sociale. Ci sono molti interessi e molte spinte sulla destinazione delle risorse del Recovery”, osserva critica la Uil, “La scelta del pubblico, rispetto alla voracità del privato, deve essere quella strutturale, quella istituzionale.

 

AGIRE SUGLI INVESTIMENTI

Il nuovo pretende ciò che, i sindacati disintermediati per anni, stanno facendo con il ministro Brunetta e che vorrebbero fare con il ministro Bianchi. I soliti noti storcono il naso anche oggi che le loro posizioni sono sconfitte dalla realtà”. La Uil con orgoglio rivendica la sua proposta di una radicale svolta, o come la definisce il sindacato una “radicale inversione”, di progetti e iniziative.

“Noi rivendichiamo una svolta politica che parta dagli organici messi a punto per consentire una buona scuola senza dover ricorre al volontariato – che potrà aiutare, ma mai sostituire – la forza innovativa e culturale della scuola a cui tutti dovrebbero contribuire”, sottolinea ancora la Uil, “Gli organici fatti anno per anno sono anacronistici e fanno partire l’anno scolastico con mesi di ritardo, farli per tre anni, come proponiamo noi, significa ridurre i tempi per anticipare l’avvio del nuovo e di tutti gli anni a venire. Sarebbe meglio per tutti cambiare registro. A legislazione vigente la scuola parte a dicembre. Noi non ci vogliamo rassegnare e pensare che si possa recuperare tempo e spazi, ma servono politiche nuove.
Il pensiero unico che ha trovato nell’Europa tecnocratica e burocratica una sponda è ora intaccato dalla pandemia che ha messo a nudo le debolezze e i limiti della vecchia politica”. Il sindacato chiama anche in causa il premier Draghi, un appello a promuovere una cambio di rotta e a vigilare sulle riforme.
“Servono politiche che agiscano sul lato della domanda aggregata, politiche keynesiane affidate a Draghi.
Una inversione di tendenza resa concreta con lo stanziamento di 209 miliardi per consentire al paese di rilanciare la crescita. Le premesse ci sono”, conclude la Uil, “Bisogna abbandonare la strada della contrapposizione ed abbracciare quella dell’espansione. Non c’è più tempo da perdere. Il governo Draghi se c’è batta un colpo sulla scuola che è la base della ripresa”.

Sponsor

Articoli correlati

Maggiore considerazione degli insegnanti, della loro professionalità, e più sono le opportunità di crescita per il Paese

Ettore Di Bartolomeo

La crisi: una maionese impazzita

Antonio Falconio

Cassa integrazione: la beffa del decreto semplificazioni, il Governo impone nuove complicazioni a danno delle imprese

Maurizio Piccinino

Lascia un commento