domenica, 25 Luglio, 2021
Attualità

Elezioni amministrative, Raggi: “Parole di Zingaretti feriscono come pietre”

“Le parole hanno un peso. Le parole sono pietre. Le parole colpiscono, feriscono, fanno male. Le parole hanno delle conseguenze nella vita delle persone. Le parole non sono chiacchiere. Ieri Nicola Zingaretti, ospite a Dimartedì su La7, ha rivendicato con orgoglio di essere stato “il primo a dire che considerava la ricandidatura di Virginia Raggi una minaccia per Roma”. Una minaccia. Sì, proprio così: una minaccia”.

Lo scrive su facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi che aggiunge: “Secondo Zingaretti, quindi, la “minaccia” per Roma non è rappresentata dalla malavita o magari, in senso lato, dalla difficoltà di trovare un lavoro per i cittadini. No, per Zingaretti la “minaccia” per Roma è rappresentata da una giovane donna finita sotto scorta per aver dichiarato guerra alla criminalità organizzata.
Politicamente si possono avere opinioni diverse ma non è lecito provare ad emarginare una persona che – al di là delle opinioni politiche – è realmente “minacciata” dalla criminalità. La “minaccia” è quella dei Casamonica di voler mettere una bomba sotto l’automobile di Virginia Raggi”.

P.S.: Una minaccia – aggiunge – per la Treccani è “l’atto di minacciare, le parole con cui si minaccia, e in genere il fatto di promettere o annunciare un male, un danno, un castigo”.

“In diritto penale – precisa – il delitto commesso da chi provoca in altri il timore di un ingiusto danno, prospettando in qualunque modo, con parole, gesti, scritti, un male futuro e indebito, la cui realizzazione dipenda esclusivamente dalla volontà di chi minaccia e che sia di tale rilevanza da turbare obiettivamente la tranquillità della vittima”.

“In senso figurato – si legge ancora – pericolo incombente, annuncio più o meno esplicito di un male, di un danno”.

P.S.: 2: Carlo Levi intitolò un suo libro “Le parole sono pietre”.
Il titolo si deve ad una frase pronunciata da Francesca Serio, madre di un sindacalista ucciso dalla mafia e icona della lotta alla criminalità in Sicilia negli anni ’50. “Così questa donna si è fatta in un giorno: le lacrime non sono più lacrime ma parole, e le parole sono pietre…”.

Sponsor

Articoli correlati

Alitalia, Raggi: “È essenziale che Roma faccia sentire la sua voce”

Francesco Gentile

Roma: al via sperimentazione app per incentivare mobilità sostenibile

Angelica Bianco

Il tramonto di Forza Italia

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento