mercoledì, 20 Ottobre, 2021
Economia

Economia del mare: Blue Economy, 200 mila imprese e 47 miliardi. 900 mila lavoratori

Si chiama, prima che diventasse una moda, “Blue Economy”. È l’economia del mare che conta 200mila aziende e 47miliardi il valore aggiunto. E, soprattutto, le competenze Green richieste per 4 assunzioni su 5. Una economia che da lavoro a 885,2 mila persone (il 3,5% sul totale dell’occupazione del Paese). In percentuale il valore aggiunto di 46,7 miliardi di euro, il 3% del totale economia. Un settore in crescita malgrado le difficoltà, che punta al miglioramento ambientale, a quello delle imprese e dei lavoratori.

Finanziariamente il settore ha avuto una crescita notevole.

 

EFFETTO MOLTIPLICAYORE DI FILIERA

Per gli analisti, considerando gli effetti diretti e indiretti, si ha, per ogni euro prodotto direttamente, un effetto moltiplicatore di filiera pari a 1,9. Arrivando ad un valore aggiunto prodotto complessivo di 134,5 miliardi di euro: l’8,5% del totale dell’economia. C’è in atto una situazione di cambiamenti e di nuovi indirizzi produttivi che risulta vincente. Dati, progetti e prospettive sono presenti nel Rapporto dell’economia del mare promosso dalla Camera di commercio di Frosinone-Latina in raccordo con Unioncamere e realizzato dal Centro Studi delle Camere di commercio Guglielmo Tagliacarne e dal volume “Economia del Mare e Green Deal”, realizzato da Unioncamere sulla base dei risultati delle indagini Excelsior 2019.

Ci sono numeri ed esperienze che fanno ben sperare per il futuro dell’intero settore e delle filiere produttive connesse. “Risparmio energetico e sostenibilità ambientale, sono skill centrali per trovare lavoro nella Blue economy: l’81,4% delle ricerche di lavoro richiede competenze Green”, si legge nella nota introduttiva.

“Il mare è sempre stato una delle più grandi sfide dell’uomo, spazio da conquistare e nel contempo risorsa da tutelare e proteggere; dalla risorsa mare l’uomo ricava costantemente alimenti, materie prime e anche energia”, sottolinea Giovanni Acampora, neo Presidente dell’Assonautica Nazionale e presidente della Camera di commercio Frosinone-Latina, che ricorda, “così, il mare, presentandosi come un’importante leva sulla quale fondare parte dello sviluppo economico, deve stimolare un attento studio su tutte quelle attività che sono il frutto, o possono trovare giovamento, dalla presenza di questa risorsa”.

Sponsor

Articoli correlati

L’illogica scelta di mettere la cultura in un angolo

Rosaria Vincelli

Concorsi P.A. bandi per 4.500 posti. Già assunti 6.343, metà nel settore sanità

Angelica Bianco

Conte e la minaccia dell’ombra di Draghi: “Meglio una sconfitta pulita che una vittoria sporca”

Domenico Turano

Lascia un commento