domenica, 17 Ottobre, 2021
Attualità

Istruzione, la pandemia ha accentuato le diseguaglianze

In Italia, nonostante i miglioramenti conseguiti nell’ultimo decennio, non si è ancora in grado di offrire a tutti i giovani le stesse opportunità per un’educazione adeguata. Il livello di istruzione e di competenze che i giovani riescono a raggiungere dipende ancora in larga misura dall’estrazione sociale, dal contesto socio-economico e dal territorio in cui si vive.

La pandemia del 2020, con la conseguente chiusura degli istituti scolastici e universitari e lo spostamento verso la didattica a distanza, o integrata, ha acuito le disuguaglianze. È quanto emerge dal Rapporto sul Benessere equo e sostenibile (Bes) diffuso dall’Istat.

Il divario con l’Europa sull’istruzione continua ad ampliarsi: nel secondo trimestre 2020 il 62,6% delle persone di 25-64 anni ha almeno il diploma superiore (54,8% nel 2010); tale quota è inferiore alla media europea di 16 punti percentuali. Tra i giovani di 30-34 anni il 27,9% ha un titolo universitario o terziario (19,8% nel 2010) contro il 42,1% della media Ue27.

Sponsor

Articoli correlati

70 giorni di fuoco: non è da meno il coronavirus, ma poi si spegne? Gli studi

Redazione

Draghi “Possibile rialzo Pil, obiettivo superare crescita pre-pandemia”

Giulia Catone

Aumenta la spesa per ricerca e sviluppo in Italia

Redazione

Lascia un commento