lunedì, 1 Marzo, 2021
Esteri

Tornata la calma in Tunisia dopo gli scontri della scorsa notte

Sponsor

E’ tornata la calma nella notte in Tunisia nelle citta’ di Siliana e Bouarada dopo gli scontri tra i giovani e le unita’ di sicurezza. I “manifestanti” hanno dato fuoco alle gomme e hanno lanciato pietre contro le forze di sicurezza in Abdessattar Dridi Avenue, citta’ di Ennozha e Mongi Selim nella citta’ di Siliana e l’arteria principale di Bouarada. Le unita’ di sicurezza hanno risposto con gas lacrimogeni per disperdere i gruppi di giovani. I giovani hanno tentato di prendere d’assalto la casa di un agente di polizia municipale gia’ venerdi’ sera dopo che un pastore era stato aggredito. Otto persone sono state arrestate la sera di venerdi’ 15 gennaio 2021, a Menzel Bourguiba (governatorato di Biserta) per non aver rispettato il coprifuoco e aver formato una banda di criminali con l’obiettivo di distruggere le proprieta’ pubbliche e private. Questi otto individui sono accusati di aver dato fuoco alle gomme per chiudere la strada per Tunisi e hanno anche tentato di rapinare il canile municipale.

L’intervento delle forze di sicurezza ha impedito i loro piani.
Sono stati arrestati anche sedici giovani che hanno partecipato ad atti di violenza nei quartieri del 5 dicembre e Mohamed Ali nel Kram occidentale. I manifestanti hanno dato fuoco a pneumatici e contenitori di plastica davanti a uno spazio commerciale e una finanziaria nel tentativo di derubarli. Gli aggressori, riferisce la stampa locale, hanno anche lanciato pietre contro la sicurezza e veicoli privati, prima che le unita’ di sicurezza intervenissero per disperderli, arrestarne 16 e sequestrare armi a lama tra cui coltelli, spade e catene di ferro. A Sousse, il confinamento generale e il coprifuoco non hanno impedito disordini notturni.
Diversi quartieri della citta’ di Sousse hanno vissuto disordini e scontri tra i giovani e la polizia la sera di venerdi’ 15 gennaio.
A Siliana sono state arrestate anche 9 persone dopo scontri avvenuti in diverse zone della citta’ la scorsa notte. Sono accusati di aver violato il coprifuoco e di aver formato bande per vandalizzare la proprieta’ altrui. Le forze dell’ordine per disperdere i manifestanti hanno utilizzato gas lacrimogeni.

Sponsor

Articoli correlati

Di Maio: “Sbarchi dalla Tunisia diminuiti ma non abbassare la guardia”

Redazione

Gli ultimi

Martina Cantiello

Programma ONU per sviluppo sostenibile: la Tunisia si conferma prima

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni