sabato, 22 Gennaio, 2022
Società

Arriva Natale, trionfo dell’Amore

Pochi giorni al Santo Natale, tante luci ovunque e comunque. Non vi è tristezza ma solo voglia di vivere e riaccendere la lampada della vita dove il trauma del virus cerca di spegnere anche la piccola fiammella delle certezze. Pochi giorni ancora ed è la festa dell’Autore della Vita: è la certezza che nulla può spaventare Dio poiché l’Amore non teme la morte.  In queste ore frenetiche si cerca di afferrare ogni cosa che sappia di speranza, di gioia, di bellezza e di entusiasmo. Il bombardamento mediatico dell’elenco delle vittime e delle curve che salgono e scendono come le piste di ghiaccio che intimidiscono ma non convincono. Non si muore più di nessuna patologia tranne che di “Covid 19”.

Ebbene sì bisogna sostare e pensare cosa portare al presepio, con che doni recarsi verso Maria e Giuseppe che non stanno a commentare a che ora deve nascere l’importante è farlo nascere, principalmente nel cuore di chi non si sente più amato da nessuno. Troppa chiacchiera da “Benpensanti” da Borghesi di una fede annacquata dalla retorica e dal superfluo. Avrei voluto sentir dire con quale cuore ci si avvicinerà alla grotta e cosa portare a un Bambino\Dio che non si farà mai il tampone e non attenderà (vergognosamente) l’esito dopo due settimane (se ti va bene) tranne se non metti mano al portafoglio.

È Natale e l’unica certezza che basta è sapere che Lui sta per venire mentre Maria sa che i giorni che verranno deve custodire e proteggere l’autore della Vita. Il mio pensiero corre a tutte le mamme e i papà che in questi mesi hanno cercato con tutte le forze di tutelare i propri figli con quella tenerezza e quell’amore che non ha confini. L’Amore è l’Amore e non si commenta. Se ci credi arriva e ti stravolge la vita. Mai essere egoisti nell’amore: è un sentimento così grande che richiede sempre a doppio senso di circolazione. Il Dio dell’Amore arriva per educarci al dare e non al possedere, all’essere ambasciatori di speranza e non demolitori di vita. Sta per arrivare e solo i poveri lo riconosceranno come del resto sentiamo riecheggiare nelle nostre orecchie. “Beati i puri di cuore perché vedranno Dio”. Allora sarà visto da pochi e commentato da molti, quei molti che pensano all’ora della nascita e non a corrergli incontro disarmati da tutto tranne dell’Amore.

Sponsor

Articoli correlati

Nove italiani su 10 trascorreranno il Natale in famiglia

Ettore Di Bartolomeo

Confagricoltura, dono di 5.500 Stelle di Natale al personale del Gemelli. Giansanti: dedicato a tutti i lavoratori della sanità

Ettore Di Bartolomeo

Vacanze, nel 2021 120 milioni di presenze in meno rispetto al 2019

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento