mercoledì, 28 Luglio, 2021
Economia

Dare alla sanità non 9 ma 37 miliardi, quelli che il MES ci presta e che rifiutiamo

In politica si possono sostenere tutte le tesi, anche quelle più sconclusionate. Viva la libertà. Ma non si può essere bugiardi e incoerenti.

Un’ignobile pantomima dal mese di aprile ruota intorno ai 37 miliardi che il “famigerato” MES ci presta e che, per l’ottusa opposizione dei 5 Stelle, l’Italia si ostina a scartare.

Per giustificare questo gran rifiuto se ne sono lette di tutti i colori. Vediamo l’elenco di questi presunti argomenti.

  1. Il prestito del MES è un cappio al collo perché ci imporrà sangue, sudore e lacrime, modello Grecia e farà arrivare la malefica Troika (FMI, BCE, Commissione Europea). Falso. I ministri delle finanze dell’eurogruppo, che formano il Consiglio di amministrazione del MES, hanno spiegato in tutte le salse che questo prestito ha una sola condizione: i soldi devono essere spesi per la sanità. Lo hanno ribadito la Presidente Ursula von der Leyen, il Commissario Paolo Gentiloni, i capi di Stato e di governo del Consiglio europeo, Merkel e Macron in testa, lo stesso direttore generale del MES Klaus Regling, un interminabile elenco di economisti. Tutti bugiardi e incompetenti, delle nullità rispetto a Salvini, Meloni e una parte consistente dei 5 Stelle…
  2. Il prestito del MES non ci conviene. Falso. I 37 miliardi restituiti in 7 anni, a interessi negativi ci costerebbero meno della somma presa in prestito. Se invece onorassimo il debito in 10 anni risparmieremmo almeno 300 milioni l’anno (totale 3 miliardi) rispetto a quello che pagheremmo se emettessimo titoli di Stato per rastrellare lo stesso importo.
  3. Saremmo i soli a prendere Il prestito e questo ci metterebbe addosso un timbro negativo. Falso. Gli altri Paesi che non accedono a questo finanziamento pagano per i loro titoli di stato tassi di interesse più bassi di quelli italiani e non hanno convenienza. Prendendo quei soldi l’Italia tranquillizzerebbe ancora di più gli investitori per due motivi: sarebbe evidente che ci sentiamo in grado di restituirli e quei soldi non graverebbero ulteriormente sul nostro debito pubblico.
  4. Il prestito è superfluo: non ne abbiamo bisogno. Falso. Ne abbiamo bisogno eccome, con la Sanità in ginocchio, in piena emergenza pandemica e la necessità urgente di rafforzare le strutture sanitarie.
  5. L’ultimo argomento è il più subdolo: abbiamo già abbastanza soldi con i 209 miliardi del Recovery plan. Questo significa che i 209 miliardi non li destineremo tutti alla ripresa e resilienza perché una parte dovrà andare alla sanità. Ma quanta parte? La logica vorrebbe che dai 209 miliardi si staccassero i 37 miliardi che non vogliamo prendere dal MES e quindi resterebbero per la ripresa e lo sviluppo 172.

Ma nelle schede del PNRR il Governo destina alla Sanità solo 9 miliardi. Una beffa vergognosa. Si rinuncia a 37 miliardi che non ci costano nulla di interessi dicendo che i soldi che abbiamo bastano ma poi per la sanità ne spendiamo solo 9? E gli altri 26? Ci rinunciamo a cuor leggero visto che i nostri ospedali scoppiano di salute ed efficienza e che abbiamo medici, infermieri e medicina territoriale ben equipaggiata? Si abbia il coraggio di dire agli italiani la verità: per un pregiudizio irrazionale invece di spendere per la sanità 37 miliardi ne spenderemo solo 9. Vediamo se gli italiani sono contenti di questa straordinaria idiozia.

Sponsor

Articoli correlati

Perché piace tanto l’usato

Chiara Catone

Troppi artigiani pronti a chiudere: occorre dare ristori sulla base di dati annui

Piccinino

Sovranità dello Stato

Giampiero Catone

Lascia un commento