giovedì, 24 Settembre, 2020
Economia

Confartigianato. A giugno risalgono i consumi, ma il crollo del Pil supera il 10%. Sempre più in crisi le piccole imprese

Sponsor

Sui consumi giugno riprende a salire rispetto al crollo di maggio, ma la situazione non cambia e il Pil scivola a meno 14.4%.

La recente nota dell’Ufficio parlamentare di bilancio indica per quest’anno un calo che non si era mai verificato dal dopoguerra ad oggi. Come osservato giugno ha fatto ben sperare. La lettura dei dati mensili pubblicati dall’Istat in questi giorni ha evidenziato la presenza di segnali di recupero dell’economia italiana.

“Sul fronte dei consumi delle famiglie”, sottolinea la nota di Confartigianato, “a giugno 2020 le vendite al dettaglio, al netto della stagionalità, registrano un aumento del 12,1% rispetto a maggio, trainato dalla ripresa dei beni non alimentari dopo il crollo nel periodo dell’emergenza Covid-19. L’indice destagionalizzato delle vendite torna ad un livello di poco inferiore (scostamento di 2,7 punti percentuali) a quello di febbraio, precedente lo scoppio dell’emergenza”.

Focalizzando l’analisi su alcuni prodotti tipici del made in Italy, si osserva che a giugno 2020 le vendite al dettaglio rimangono ancora in forte flessione per calzature, articoli in pelle e da viaggio (-12,8%) e abbigliamento e pellicce (-12,3%), mentre segnano un recupero (+10,4%) le vendite di mobili ed articoli tessili e di arredamento per la casa. Per questi prodotti il bilancio del quadrimestre marzo-giugno 2020 rimane pesante: le vendite cumulate nei quattro mesi si dimezzano per calzature, articoli in pelle (-46,8%) e abbigliamento (-48,6%) e si riducono di oltre un terzo per mobili ed articoli tessili e di arredamento per la casa (-37,8%).

“A giugno 2020”, segnala la Confartigianato nell’esaminare la nota dell’Ufficio parlamentare di bilancio, “la produzione manifatturiera aumenta dell’8,8% rispetto a maggio. Nella media del secondo trimestre, il livello della produzione cala del 19,4% rispetto ai tre mesi precedenti. Su base tendenziale, rispetto lo stesso mese di un anno prima, la produzione manifatturiera rimane inferiore del 14,7% con le flessioni più ampie per moda (tessile, abbigliamento, pelli e accessori a -26,7%) e mezzi di trasporto (-26,4%)”. Dati che non devono far illudere, sebbene in recupero, i livelli produttivi restano ancora distanti da quelli prevalenti prima dei provvedimenti legati all’emergenza sanitaria; rispetto a febbraio la produzione manifatturiera risulta inferiore, al netto dei fattori stagionali, di 14,3 punti percentuali. In prospettiva futura, l’ultima nota mensile dell’Istat infatti spiega che “la ripresa dei ritmi produttivi del settore manifatturiero è attesa estendersi anche a luglio come evidenziato dal miglioramento dell’indice di fiducia, condizionato favorevolmente dall’andamento dei giudizi sugli ordini e dalle attese di produzione”. Va osservato, per quanti vogliono approfondire il tema, che il favorevole andamento di queste variabili è concentrato sulle grandi imprese mentre le attese di piccole e medie imprese ristagnano.

Le recenti tendenze dell’economia italiana e i riflessi sul sistema delle MPI nel 7° report Covid-19 ‘I settori economici e le MPI, tra crisi Covid-19 e lenta ripresa”.

Articoli correlati

Con il Coronavirus anche l’economia a rischio

Giampiero Catone

Credito, Confartigianato aiuta le piccole imprese in crisi. Patto con Mediocredito per sostenere le attività produttive

Giampiero Catone

Italia, è giunta l’ora di cambiare mentalità!

Pietro Lauri

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni