lunedì, 27 Settembre, 2021
Politica

Una prova di serietà

L’Unione Europea è stata all’altezza della sua storia. Lo ha detto il Presidente del Consiglio, Conte, riferendo al Senato sulla conclusione del difficile negoziato a Bruxelles sul “Recovery fund” il Piano straordinario dell’UE per affrontare i problemi creati dalla pandemia del coronavirus.

In effetti, non si può non convenire con quanti, a cominciare dallo stesso Capo dello Stato e dal Premier, valutano positivamente i risultati del duro confronto che, nella capitale comunitaria, ha visto fra i protagonisti il Presidente Conte e registrato un ruolo decisivo e responsabile dell’asse franco-tedesco nella persona della Cancelliera Merkel e del Presidente Macron.

L’Italia potrà così disporre, fra il 2021 e il 2023, di 209 miliardi di euro, di cui 82 come sussidi a fondo perduto e 127 in prestiti agevolati.

Il grosso della cifra, il 70%, 146 miliardi, fra il 2021 e il 2022; il residuo 30% ,63 miliardi, nel 2023. Un prefinanziamento precederà le erogazioni ed è previsto per i primi mesi del 2021; si prevede sia di circa 21 miliardi, anticipati quindi sulla prima tranche.

È, come si vede, un intervento imponente, di carattere epocale e fortemente innovativo nella storia dell’UE, ma non potrà essere utilizzato con una discrezionalità assoluta né dall’Italia né dagli altri Paesi dell’UE.

Dovrà invece essere coerente alle indicazioni dell’UE e rigoroso quanto ad obiettivi e tempi di attuazione: in particolare, l’Italia dovrà – finalmente, osserviamo noi – riformare la giustizia, il sistema fiscale, la legislazione sul lavoro, ivi compresi gli aspetti previdenziali e, infine, dovrà offrire chiari segni di iniziative per favorire la transizione verso il digitale e uno sviluppo compatibile con la tutela dell’ambiente.

Questo insieme di impegni dovranno essere contenuti in un documento programmatico, esaustivo quanto a strumenti, tempi ed obiettivi, per la metà del prossimo mese di ottobre.

Non sarà quindi possibile perdere tempo o sorvolare sulle esigenze poste dalle autorità comunitarie.

Vigileranno sulla progressiva e puntuale attuazione dei programmi, sia la Commissione, sia lo stesso Consiglio dell’Unione, che autorizzeranno le progressive erogazioni.

Sui controlli non c’è da scandalizzarsi: siamo chiamati ad una prova di serietà e di maturità e al definitivo accantonamento delle contorsioni ed omissioni che finora ci hanno spesso impedito di spendere integralmente perfino le risorse assegnate dall’Unione per lo sviluppo regionale e le politiche di coesione.

Sponsor

Articoli correlati

Dopo l’Ilva, gli Stati generali dello sviluppo

Giuseppe Mazzei

Un Conte solo non fa centro

Giampiero Catone

Che fiducia in Conte

Carlo Pacella

Lascia un commento