martedì, 13 Aprile, 2021
Società

Coronavirus, 16mila mascherine pronte per pazienti con Sla

Pronte per la consegna in tutta Italia le 16.000 mascherine chirurgiche che in questi giorni i volontari distribuiranno alle famiglie costrette a convivere con una malattia neuromuscolare. La distribuzione alle famiglie inizierà nel fine settimana e si aggiunge alle 5.000 mascherine già distribuite in Campania.

Un risultato ottenuto grazie alla campagna di raccolti fondi #distantimavicini che AISLA, Famiglie SMA e UILDM hanno lanciato il 23 marzo scorso e che ha raccolto al momento donazioni per oltre 120.000 euro.

Convinti che l’emergenza sanitaria che sta colpendo il nostro Paese necessiti di una risposta compatta e concreta, le tre associazioni nazionali hanno deciso di continuare a stare in prima linea, unendosi nel promuovere una raccolta fondi a sostegno dei Centri Clinici NeMO, centri specializzati nell’assistenza delle persone con malattie neuromuscolari, che in questi giorni stanno affrontando sforzi straordinari per continuare ad assistere i pazienti, proteggendoli il più possibile dal rischio del contagio.

La campagna #distantimavicini risponde a questa urgenza, raccontando sulla piattaforma di crowdfunding – direttamente raggiungibile dai siti ufficiali delle tre associazioni (www.aisla.it; www.famigliesma.org, www.uildm.it) – il vissuto quotidiano degli operatori dei Centri NeMO e quello delle famiglie, supportate a distanza dai centri di ascolto delle associazioni e dai centri stessi, che si sono riorganizzati per assicurare anche a distanza il consulto con gli specialisti. Uno sforzo straordinario che dimostra come, proprio i soggetti più fragili, quelli che maggiormente stanno subendo gli effetti della pandemia, si uniscono con determinazione intorno ai propri luoghi di cura. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

Il Controcanto. Veneto, Piemonte e Lombardia, voglio tornare a casa mia!

Michele Rutigliano

Coronavirus: Anm “gravissimo sovraffollamento carceri”

Redazione

Confesercenti: molte imprese non riapriranno più. Aiuti finora insufficienti per il commercio

Maurizio Piccinino

Lascia un commento