martedì, 26 Maggio, 2020
Società

Chieti-Vasto, ecco gli impegni della Caritas

Sponsor

Di questi tempi, con tutte le attività bloccate, diventa difficile per le famiglie indigenti resistere in attesa di tempi migliori. Per fortuna ci sono le realtà ecclesiali e del Terzi settore. La Caritas diocesana di Chieti-Vasto, ad esempio, nel rispetto delle normative governative per l’emergenza coronavirus, sta cercando di continuare il proprio servizio verso i poveri distribuendo beni di prima necessità.

Il direttore, don Luca Corazzari, spiega che “oltre a Caritas Italiana, lo stesso nostro arcivescovo, monsignor Bruno Forte, ci ha sollecitato a dare una risposta a questo momento emergenziale in cui anche molte famiglie, già vicine alla soglia di povertà, si sono ritrovate ora ben al di sotto di questa difficile condizione”.

L’equipe della Caritas diocesana, anche sulla base delle osservazioni di alcuni parroci, ha posto in atto delle modalità di aiuto che possano essere le più utili ma anche le più realizzabili possibili. Al momento hanno preso il via varie iniziative: consegna delle card dell’Eurospin che, data la restrizione di movimento, potrebbero essere consegnate da un nostro operatore Caritas direttamente al parroco; dietro previa autorizzazione della Caritas diocesana, in assenza di discount nel proprio paese, la possibilità di fare la spesa nei negozi della propria città; con il Conad presente al Centro commerciale Megalò l’attivazione della “spesa sospesa”.

Si tratta di una collaborazione che dà la possibilità alle persone di poter dare un’offerta a favore dei più poveri lasciando un contributo per la spesa o/e uno o più prodotti da lasciare nella cesta dedicata a tale servizio, contributi che poi verranno consegnati direttamente alla Caritas diocesana. E, ancora, una raccolta fondi tramite la pubblicazione di una locandina sulla stampa locale, quotidiani mediatici oltre che attraverso l’impegno delle realtà parrocchiali che si impegneranno a divulgarla tramite i vari social. Infine, con la parrocchia San Paolo Apostolo di Vasto, che da anni gestisce l’Emporio della Solidarietà Giovanni Paolo II, un servizio a favore di tutte le parrocchie e di tutta la città accogliendo e distribuendo alimenti nel rispetto delle indicazioni impartite da Caritas Italiana e diocesana. Per questo motivo è stato ideato una nuova formula l’“Emporio in uscita” in cui i collaboratori della parrocchia, che fanno servizio all’Emporio, nel pieno rispetto delle norme governative, consegnano a domicilio gli alimenti raccolti a tutte le famiglie bisognose sia affiliate all’Emporio sia a quelle che non lo sono ancora.

Articoli correlati

Coronavirus: Uilpa “gestione penitenziaria a Presidenza del Consiglio”

Redazione

Lavoro per far crescere e unire l’Italia. No alle illusioni assistenziali

Giampiero Catone

Più della legge conta il buon senso

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni