mercoledì, 29 Maggio, 2024
Società

Oim: centinaia di migliaia di afghani rimpatriati dal Pakistan

Milioni di donne e bambini sono malnutriti. Dimezzate le rimesse dall’estero

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) afferma che quasi 525.000 migranti afghani sono tornati dal Pakistan in Afghanistan attraverso i valichi di frontiera di Torkham e Spin Boldak. I rimpatri sono iniziati nello scorso autunno ed è stata annunciata una seconda ondata da metà aprile. Secondo l’Oim molti afghani hanno dovuto lasciare tutti i loro averi nel paese ospitante e ora devono ricominciare nel paese d’origine. E crescono anche i problemi interni: il Programma Alimentare Mondiale in Afghanistan sottolinea che il numero di donne che soffrono di malnutrizione è aumentato toccando cifre di oltre 2 milioni. E con loro anche quasi tre milioni di bambini sono vittime di forte malnutrizione.

Assistenza umanitaria

Mona Sheikh, responsabile della nutrizione presso il World Food Programme, rivela che “l’anno scorso erano stimate in 800.000 le donne in gravidanza e in allattamento in tutto il paese che soffrivano di malnutrizione. Tuttavia, questo numero ha superato le aspettative, raggiungendo quasi due milioni, e sfortunatamente, si prevede che aumenterà ulteriormente quest’anno”. Il Programma dovrebbe essere messo in grado di assistere fino a sei milioni tra donne e bambini, ma ci sono stati tagli di bilancio e riduzione degli interventi. Secondo l’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), attualmente più di 23 milioni di persone in Afghanistan hanno bisogno di assistenza umanitaria.

Dimezzate rimesse dall’estero

Oltre il 70% della popolazione afghana non può pagare per i bisogni alimentari di base; la metà non ha alcuna fonte di reddito e dipende dall’assistenza umanitaria. Dopo pandemia e guerre le rimesse dei lavoratori all’estero sono diminuite del 50%, e il sistema sanitario sta crollando, con le minoranze religiose continuano ad essere attaccate nelle loro case, scuole e luoghi di culto. L’Oim rivela che gli afghani continuano a viaggiare nella Repubblica islamica del Pakistan, nella Repubblica islamica dell’Iran, a Torkiye e per altre destinazioni. Gli spostamenti interni e i movimenti transfrontalieri continueranno senza sosta anche perché piccole crisi, economiche, geopolitiche o climatiche, colpiscono milioni di persone fortemente vulnerabili.

Donne più vulnerabili

“Le donne e le ragazze hanno indubbiamente sofferto in modo sproporzionato”, scrive l’Oim, “con violazioni, vulnerabilità e preoccupazioni di protezione in aumento. I loro diritti e le loro libertà fondamentali si erodono sotto i nostri occhi, e non dobbiamo distogliere lo sguardo.” L’Oim invita le autorità nazionali e internazionali a rispettare, proteggere e garantire i diritti e le libertà senza restrizioni di tutte le persone, in particolare donne e ragazze. Ciò include, tra l’altro, la libertà di movimento, il diritto al lavoro e all’istruzione e il diritto di chiedere asilo. Nonostante i progressi compiuti fino ad oggi, milioni di persone hanno bisogno di aiuto. Finora meno della metà dei 4,4 miliardi di dollari programmati dalle Nazioni Unite per l’assistenza umanitaria nel 2022 è stata finanziata e il piano d’azione globale (Pac) dell’Oim per l’Afghanistan e i paesi limitrofi, che mira al sostegno a 3,6 milioni di persone, è finanziato solo per il 34%.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Rifiuti, in italia nel 2023 raccolte 349mila tonnellate di RAEE

Maria Parente

Cgia: servono 70 miliardi per famiglie e imprese

Maurizio Piccinino

Biden a Netanyahu: preoccupa l’offensiva su Rafah

Antonio Gesualdi

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.