domenica, 26 Maggio, 2024
Attualità

Il Patriarca di Gerusalemme, Pizzaballa: a Gaza mancano i viveri

Il cardinale a Barcellona e a Lodi: il dialogo interreligioso è in crisi

“In questo momento, il problema principale a Gaza è la mancanza di viveri. Ci sono circa due milioni di persone, prima della guerra entravano a Gaza centinaia di camion, ogni giorno, per portare viveri: in questo momento sono poche decine i camion che riescono a entrare. Il problema dei viveri sta diventando il problema principale. Viveri, acqua e medicinali”. Sono parole del Patriarca latino di Gerusalemme, cardinale Pierbattista Pizzaballa che nei giorni scorsi è stato a Barcellona e ieri a Lodi.

C’è un odio profondo

“Emerge l’odio profondo che si respira in tutto il Paese – ha continuato il Patriarca – nessuno più si fida dell’altro. L’altro viene deumanizzato. Anche il dialogo interreligioso tra cristiani, ebrei e musulmani è in crisi in Terrasanta. Non ci si riesce più a incontrare. Ciascuno è chiuso dentro la propria comunità e parla alla propria comunità e non si riesce ad avere incontri gli uni con gli altri”. Il Patriarca ha anche fatto un esempio perché si capisca meglio la drammaticità del momento: “soltanto la pubblicazione della foto dei capi cristiani con il presidente di Israele ha scatenato una furiosa reazione nel mondo arabo-palestinese, anche cristiano, tanto da arrivare a dire noi non riceveremo i patriarchi a Betlemme per Natale perché ci hanno tradito, hanno incontrato il presidente del nemico. Naturalmente siamo entrati ugualmente a Betlemme per Natale, con difficoltà. Nel mio caso – ha ricordato il cardinale – i palestinesi mi hanno messo, all’ingresso la kefiah”.

Parlare di pace non ha senso

“Parlare di pace, in questo momento, non ha molto senso”, ha sottolineato Piazzaballa: “la pace ha bisogno di un contesto, che in questo momento non c’è”. “Quello che è necessario, in questo momento, è cercare di arginare questa deriva soprattutto nel linguaggio che è quello che, poi, dà la spinta a altre forme di violenza. Cercare di evitare questa deriva di odio profondo che viene seminato”. Quello che si percepisce molto, nelle due popolazioni, è il senso di solitudine e di disorientamento. Il cardinale ha concluso ricordando che il presidente palestinese, Abu Mazen “disse tempo fa che ci sono ancora tante persone, qui in Terrasanta, che vogliono la pace, Dobbiamo cercarle e tenerle vicine. Perché verrà il momento in cui avremo bisogno di loro. Sono convinto anch’io di questo”.

Non tutto è perduto

Il cardinale ha partecipato anche all’evento “Sent la Creu” (“Essendo la Croce”) di Barcellona, promosso dal Segretariato diocesano per la pastorale giovanile dell’arcidiocesi della città spagnola, e davanti a più di duemila persone ha voluto essere ottimista: “ci sono persone – ha detto – che, nonostante sperimentino l’odio musulmano, ebraico e cristiano, vogliono vivere un’altra vita”. Ha parlato di persone che mettono a rischio la propria vita per aiutare gli altri a Gaza e in Cisgiordania in modo che “gli altri si possano salvare”. “Finché c’è qualcuno che dà la vita per gli altri – ha concluso – vuol dire che in Terrasanta non tutto è perduto”. Il cardinale ha ricordato la piccola comunità di 1.000 fedeli ortodossi e cattolici di Gaza: “hanno perso tutto e le loro vite sono ancora in pericolo”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Supposizioni sulla guerra

Carlo Pacella

Il divisivo fisco

Tommaso Marvasi

Gaza. Accordo sempre più vicino. Blinken: “Hamas decida in fretta”

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.