giovedì, 28 Maggio, 2020
Economia

Febbre in Borsa. Cosa fare? Quali strumenti usare? Anticorpi Bce e Fed

Sponsor

La BCE cerca di contrastare l’impatto della pandemia, con i suoi anticorpi, secondo la Presidentessa della Banca Europea, Christine Lagarde, serve una risposta prima di tutto e, soprattutto, fiscale, una risposta ambiziosa e coordinata in termini di politica di bilancio per dare sostegno alle imprese e ai lavoratori a rischio. Sì procederà con altri 120 miliardi di acquisti , lasciando invariati i tassi.

L’Eurotower ha annunciato l’ampliamento del programma di quantitativi easing con un piano di acquisti netti aggiuntivi di 120 miliardi di euro fino alla fine dell’anno – che si sommano ai 20 miliardi al mese già disponibili – “garantendo un forte contributo da parte dei programmi di acquisto del settore privato”. Questo per garantire “condizioni di finanziamento favorevoli per l’economia reale in tempi di maggiore incertezza.

L’indicatore per misurare la febbre delle Borse è l’indice Vix, acronimo del CBOE Volatility Index nato nel 1993 ed elaborato dal Chicago Board Options Exchange, che indica le aspettative sulla volatilità a breve termine dell’indice della Borsa americana S&P500. Secondo il consensus degli analisti, continuerà a oscillare in un range intorno ai 50 punti, con un sentiment improntato all’incertezza.

Siamo lontani dai 20 punti che sono considerati il livello veramente rassicurante del Vix, la cosiddetta area sicura. Cosa fare in questi casi? Bisogna imparare a gestire la volatilità che è una caratteristica tipica dei mercati azionari e si muove sia in base al punto in cui ci troviamo nel ciclo economico, sia in base agli choc esterni. Solo per fare un esempio, dopo il fallimento di Lehman Brothers il Vix impiegò circa un anno prima di tornare sul livello di sicurezza.

Ecco alcune regole chiave per non farsi prendere dal panico.

1) L’aumento della volatilità non è un’indicazione a vendere. I tempi per un ritorno alla normalità saranno lunghi. In questi casi, vale sempre la regola che in perdita non si vende ed è estremamente difficile, anche per gli investitori professionali, prevedere i timing giusto alla vendita con una precisione necessaria per trarre un vero profitto.

2) Una corretta valutazione del rischio è sempre la scelta giusta. Controllare il proprio portafoglio per valutarne il rischio è la scelta gusta in questo momento. Un portafoglio ben bilanciato nel lungo termine consente sempre di mediare le perdite 3) Non perdere di vista il proprio obiettivo. Quando si investe ci si pone sempre un obiettivo temporale e di guadagno che guida la strategia di portafoglio a prescindere dalle prospettive di mercato. Se l’obiettivo è vicino, può avere senso diminuire il rischio di portafoglio e viceversa.

QUALI STRUMENTI USARE

Le azioni da compiere in questa fase di mercato sono semplici: valutare il rischio di portafoglio e bilanciare nella maniera migliore gli asset su cui investire (azioni, obbligazioni, liquidità) e se, necessario, sfruttare la volatilità a proprio vantaggio. Ci sono diversi modi per farlo:

1) Il modo più semplice di gestire la volatilità quando il rischio sul mercato aumenta è cercare di mediare le oscillazioni dei prezzi di ingresso utilizzando i Piani di Accumulo del Capitale (PAC) o il TWIN MIX un passaggio graduale da strumenti poco volatili a strumenti di mercato, con i quali è possibile ridurre il rischio di entrare nei mercati al momento sbagliato;

2) Integrare le posizioni;

3) Diversificare con strumenti alternativi con strategie improntate sulla volatilità. Intanto i mercati hanno un occhio puntato sulla Fed e ci si aspetta un nuovo ritocco ai tassi.

Articoli correlati

L’autogol dei giudici tedeschi: toccherà a Weidmann difendere la Bce

Giuseppe Mazzei

Costruiamo economie solidali a difesa dell’intera umanità

Gianluigi Facchini

Il bazooka della Bce non basta più

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni