domenica, 14 Aprile, 2024
Politica

Italia-Usa, Tajani: cooperazione per ricerca e biotecnologie

“Biotecnologie Emergenti e le Scienze della Vita”. È il nuovo patto tra Italia e Stati Uniti per rafforzare la ricerca e la Cooperazione Internazionale.
Gli obiettivi sono stati presentati ieri mattina durante l’evento tenuto a Roma nella sala della Farnesina, promosso dal vicepresidente del Consiglio e ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Antonio Tajani. Presenti all’iniziativa, che rafforzerà i rapporti tra Italia e USA sulle nuove tecnologie e la sicurezza nazionale, il ministro dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, il ministro per le Imprese e il Made in Italy, Adolfo Urso, il ministro della Salute, Orazio Schillaci e l’ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, Jack Markell.

Partenariato tra Paesi amici

“Gli Stati Uniti sono il nostro principale alleato a livello mondiale”, ha esordito il ministro Antonio Tajani, “in questa fase storica sviluppare il partenariato con questo Paese amico ci permette di consolidare le relazioni che esistono non solo a livello politico ma anche industriale”. La cooperazione internazionale sulle “Biotecnologie emergenti e le scienze della vita”, sarà il futuro. “Con gli Stati Uniti”, ha evidenziato il vice premier che ha sottolineato lo stretto legame tra Italia e Stati Uniti, “con cui condividiamo gli stessi valori, e lo stiamo dimostrando anche in questo momento con due guerre alle porte dove difendiamo democrazia, libertà e diritti umani”.

Il colloquio con Blinken

Il ministro degli esteri ha voluto sottolineare come innovazione e digitalizzazione sono i temi sui quali l’Italia punterà per raggiungere un accordo globale.
“Per prossima presidenza italiana del G7 abbiamo inserito temi legati all’innovazione come la transizione digitale e l’intelligenza artificiale”, ha spiegato ancora Antonio Tajani, “Ne ho parlato anche a Tokyo con i miei omologhi del G7″, ha proseguito il ministro degli esteri, “dicendosi convinto che gli investimenti in questo settore rappresentino un volano per l’Italia e un importante sostegno all’internazionalizzazione del nostro sistema Paese”.

Ricerca e sicurezza nazionale

Tra i progetti che ieri sono stati illustrati anche quello che l’Italia istituirà un tavolo di lavoro internazionale nel campo delle biotecnologie e delle scienze della vita, “settori che sono anche collegati alla sicurezza nazionale e nei quali intendiamo collaborare con un partner storico quali sono per noi gli Stati Uniti”, ha insistito il ministro degli Esteri.

Asse transatlantico e alleanze

Entrando nel merito il ministro Tajani ha osservato come in questa fase storica è “importante sviluppare con gli Usa partenariati strategici che ci permettano di rafforzare la nostra presenza e consolidare le relazioni politiche che esistono lavorando anche a livello industriale”. “Gli Stati uniti”, ha evidenziato il vicepresidente del consiglio, “sono il secondo Paese di destinazione dell’export italiano e l’ottavo fornitore, dimostrazione forte dell’integrazione delle nostre economie. Per questo l’obiettivo è rafforzare l’export anche in settori innovativi come quello delle biotecnologie”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Gli Stati Uniti abbattono il missile Houthi lanciato contro una nave da guerra americana nel Mar Rosso

Francesco Gentile

Intesa Vigili del Fuoco-FS italiane per migliorare soccorso e sicurezza

Lorenzo Romeo

Confartigianato: scuole tecniche trampolino per il lavoro. Più iscritti e occupazione stabile per i giovani

Leonzia Gaina

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.