martedì, 5 Marzo, 2024
Giovani

Università: dal Ministero 500 milioni per 5.400 posti letto destinati agli studenti

Attraverso il quinto bando della legge sugli alloggi universitari, la 338/2000, il ministero dell’Università e della Ricerca finanzierà 5.400 nuovi posti letto per gli studenti. Sono stati, infatti, assegnati i circa 500 milioni di euro del Fondo dedicato, che, oltre alla creazione di nuovi posti, permetteranno anche di recuperare, riqualificare, ampliare ed efficientare strutture residenziali già esistenti. “Confermiamo la priorità della tutela del diritto allo studio. Con l’assegnazione di questi 500 milioni facciamo un altro passo avanti che ci permetterà di avere 5.400 posti letto in più che vanno ad aggiungersi agli 8.500 che abbiamo già realizzato nell’ultimo anno. Si tratta di risorse che ha messo a disposizione il Governo e che consentiranno di avere anche edifici più moderni e più attenti all’ambiente. Lavoriamo con l’obiettivo di risultati concreti per trasformare una criticità mai risolta in tutti questi anni, in una grande opportunità”, spiega il ministro Anna Maria Bernini.

Gli immobili

La valutazione degli immobili da ammettere al finanziamento è stata fatta tenendo conto anche della capacità del progetto di raggiungere gli obiettivi assegnati nei tempi indicati dal cronoprogramma e con il minimo consumo possibile di risorse. Tra i criteri anche l’utilità del progetto, intesa come la convenienza per la “comunità” di riferimento, comprensiva del numero di studenti fuori sede, e la sostenibilità nel tempo e nelle successive fasi di gestione ed attuazione. Il supporto e l’assistenza tecnica per l’utilizzo delle risorse della L 338/2000 sono affidate a Cassa Depositi e Prestiti. I decreti sono pubblicati nelle more dei controlli della Corte dei conti.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Sport: gli studenti a scuola di fair play

Marco Santarelli

“Bonus Trasporti fino a 60 euro anche per gli studenti”

Martina Miceli*

Percorsi formativi personalizzati, il Miur proroga i termini al 31 gennaio 2024

Federico Tremarco

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.