domenica, 28 Novembre, 2021
Società

Raccolta di fondi per “Il Giardino del benessere”

Una raccolta fondi per aiutare la rinascita del “Giardino del Benessere” di Palermo. A lanciare l’iniziativa è l’Auser. La benemerita organizzazione, che si occupa di invecchiamento attivo, ha ricevuto in affidamento dal Comune capoluogo (in viale della Resurrezione 78) uno spazio confiscato alla mafia e trasformato in un luogo di socialità, cultura e aggregazione.

Il Giardino del Benessere è terreno di circa 1000 mq salvato dall’incuria e dall’abbandono e restituito alla comunità. La struttura, inaugurata lo scorso 13 dicembre, è diventata ben presto “un punto di riferimento per la città attraverso numerose attività legate alla salute e al benessere, al tempo libero, alla cultura e all’ambiente”.

“Il progetto – si legge in una nota inviata alle redazioni degli organi di informazione – sostenuto da Auser Nazionale, Auser Sicilia, Fondazione con il Sud, Fondazione Sicilia e altre associazioni partner, ha però bisogno di un aiuto da parte di tutti per poter rendere la struttura ancora migliore e realizzare alcune elementi di completamento, come ad esempio un campo di bocce, una piattaforma in legno per la ginnastica dolce all’aperto, ombrelloni e sedie per chi desidera usufruire dello spazio a disposizione”.

Per questo motivo è stata lanciata una raccolta fondi: chiunque può contribuire attraverso una donazione. L’Auser punta anche ad organizzare incontri con testimonial provenienti da diverse regioni d’Italia, su tematiche di interesse per la comunità, quali: educazione ambientale, corretti stili alimentari, invecchiamento attivo, volontariato e impegno sociale, scambio intergenerazionale di conoscenze.

Si tratta di una serie di attività che, nell’ottica dei promotori, sono destinate a favorire l’intrattenimento e la convivialità per contrastare la solitudine e l’emarginazione degli anziani e, non ultimo, a sostenere l’occupazione giovanile nella gestione del bene comune in contrasto al fenomeno mafioso.

Sponsor

Articoli correlati

A Palermo nasce “Una catena per la vita”

Carmine Alboretti

Il Teatro Trianon Viviani di Napoli diventa Fondazione

Ettore Di Bartolomeo

Baobab Experience: uno sgombero disumano

Cristina Calzecchi Onesti

Lascia un commento