mercoledì, 29 Maggio, 2024
Esteri

La Polonia, le armi all’Ucraina e le polemiche elettorali per il grano

Il Paese è stato uno dei più fedeli alleati di Kiev nella lotta contro l’invasione russa. Ora, il primo ministro polacco afferma che ritirerà il sostegno militare.

Varsavia ha smesso di fornire armi a Kiev e si sta concentrando invece sul proprio riarmo, ha detto mercoledì il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, nel mezzo di una disputa sulle esportazioni agricole dell’Ucraina.

“Non trasferiamo più armi all’Ucraina, perché ora stiamo armando la Polonia con armi più moderne”, ha detto Morawiecki in un’apparizione sul canale televisivo polacco Polsat, secondo la Pravda europea. “Se non vuoi stare sulla difensiva, devi avere qualcosa con cui difenderti”, ha aggiunto, insistendo, però, sul fatto che la mossa non metterebbe in pericolo la sicurezza dell’Ucraina.

I concisi commenti di Morawiecki sono arrivati ​​mentre le tensioni tra Kiev e l’UE aumentavano la scorsa settimana, dopo che la Commissione europea si è mossa per consentire le vendite di grano ucraino in tutto il blocco, ponendo fine alle  restrizioni sulle importazioni di grano che cinque paesi orientali dell’UE  avevano originariamente cercato di proteggere i loro agricoltori dalla concorrenza.

Polonia, Ungheria e Slovacchia hanno risposto alla mossa della Commissione imponendo divieti unilaterali sulle importazioni di grano ucraino , in evidente violazione delle regole del mercato interno dell’UE. Kiev ha reagito  intentando azioni legali contro  i tre paesi presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio.

Martedì il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha criticato in modo velato questi divieti imposti sui cereali, commentando all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: “È allarmante vedere come alcuni in Europa, alcuni dei nostri amici in Europa, mettono in scena la solidarietà in un teatro politico – facendo un thriller fuori dal comune. Potrebbe sembrare che recitino un ruolo proprio, ma in realtà stanno aiutando a preparare il terreno per un attore moscovita.”

Anche se Zelenskyj non ha specificamente fatto il nome della Polonia, Varsavia ha convocato in risposta l’ambasciatore di Kiev presso il ministero degli Esteri.

Morawiecki ha anche lanciato un “avvertimento” alle “autorità ucraine”, aveva detto in precedenza a Polsat , “se dovessero intensificare il conflitto in questo modo, aggiungeremo altri prodotti al divieto di importazione in Polonia. Le autorità ucraine non capiscono fino a che punto l’industria agricola polacca è stata destabilizzata”.

La Polonia è nel bel mezzo di una campagna ad alto rischio in vista delle elezioni del mese prossimo, con il partito di destra di Diritto e Giustizia in lotta per la rielezione. Mentre Varsavia inizialmente ha appoggiato la campagna per aiutare Kiev a respingere il tentativo di invasione della Russia, quel pieno sostegno è scemato man mano che le conseguenze del sostegno all’Ucraina per i suoi stessi agricoltori sono diventate più evidenti.

Non si è fatta attendere  la risposta ufficiale  da Kiev, nelle ultime ore infatti il consigliere presidenziale Mikhail Podoliak  ha commentato : “Sono certo che dopo il voto, il dialogo con Varsavia tornerà sereno e risolveremo i problemi legati alle forniture di armi e le questioni commerciali”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

La Camera USA si ferma senza votare gli aiuti per Ucraina

Renato Caputo

Condanna di Michel dei bombardamenti russi su Kiev

Marco Santarelli

Export, De Lise (commercialisti): politica supporti imprese, occorre scommettere su nuovi mercati

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.