venerdì, 19 Aprile, 2024
Ambiente

Green Deal. Nuove norme Ue per riciclare le batterie

Da questa settimana entra in pieno vigore una nuova legge europea per garantire che le batterie vengano raccolte, riutilizzate e riciclate. Il nuovo regolamento garantirà che, in futuro, le batterie abbiano una bassa impronta di carbonio, utilizzino sostanze nocive minime, necessitino di meno materie prime provenienti da paesi terzi e siano raccolte, riutilizzate e riciclate in misura elevata in Europa. “In questo modo”, spiega una nota della Commissione europea, “si sosterrà il passaggio a un’economia circolare, aumenterà la sicurezza dell’approvvigionamento di materie prime ed energia e sarà rafforzerà l’autonomia strategica dell’Ue.” Nei prossimi mesi i lavori si concentreranno sull’applicazione della legge negli Stati membri e sulla redazione della legislazione secondaria (atti di esecuzione e atti delegati) che fornisce norme più dettagliate.

Aumenta l’uso di batterie

Dal 2006, le pile e i rifiuti di pile sono regolamentati a livello dell’UE dalla  direttiva sulle pile.
La Commissione ha proposto di rivedere questa direttiva nel dicembre 2020 a causa delle nuove condizioni socioeconomiche, degli sviluppi tecnologici, dei mercati e degli usi delle batterie. La domanda di batterie sta aumentando rapidamente. È destinato ad aumentare di 14 volte a livello globale entro il 2030 e l’Ue potrebbe rappresentare il 17% della domanda. Ciò è dovuto principalmente all’elettrificazione dei trasporti. La crescita esponenziale della domanda di batterie porterà ad un equivalente aumento della domanda di materie prime, da qui la necessità di minimizzare il loro impatto ambientale. Nel 2017 la Commissione ha lanciato la European Battery Alliance per creare una catena del valore delle batterie innovativa, sostenibile e competitiva a livello mondiale in Europa e garantire la fornitura delle batterie necessarie per la decarbonizzazione dei settori dei trasporti e dell’energia.

Primo provvedimento “circolare”

In linea con le ambizioni di circolarità del Green Deal europeo , il regolamento sulle batterie è il primo atto legislativo europeo che adotta un approccio basato sull’intero ciclo di vita in cui l’approvvigionamento, la produzione, l’uso e il riciclaggio sono affrontati e sanciti in un’unica legge. Le batterie sono ritenute una “tecnologia chiave” per guidare la transizione verde, “supportare la mobilità sostenibile” e “contribuire alla neutralità climatica entro il 2050”. A tal fine, a partire dal 2025, il regolamento introdurrà gradualmente requisiti di dichiarazione, classi di prestazione e limiti massimi sull’impronta di carbonio dei veicoli elettrici, mezzi di trasporto leggeri (come e-bike e scooter) e batterie industriali ricaricabili.

Abbattere le sostanze nocive

Il regolamento sulle batterie garantirà che le batterie immesse nel mercato unico dell’UE possano contenere solo una quantità limitata di sostanze nocive necessarie. Le sostanze problematiche utilizzate nelle batterie saranno riviste regolarmente. Gli obiettivi per l’efficienza del riciclaggio, il recupero dei materiali e il contenuto riciclato saranno introdotti gradualmente a partire dal 2025. Tutti i rifiuti di pile raccolti dovranno essere riciclati e dovranno essere raggiunti elevati livelli di recupero, in particolare di materie prime critiche come cobalto, litio e nichel. Questo garantirà che i materiali di valore vengano recuperati al termine della loro vita utile e reimmessi nell’economia adottando obiettivi più severi di efficienza di riciclo e recupero di materia nel tempo.

Incoraggiare il riutilizzo

A partire dal 2027, i consumatori potranno rimuovere e sostituire le batterie portatili dei loro prodotti elettronici in qualsiasi momento del ciclo di vita. Ciò allungherà la vita di questi prodotti prima del loro smaltimento definitivo, incoraggerà il riutilizzo e contribuirà alla riduzione dei rifiuti post-consumo. Per aiutare i consumatori a prendere decisioni informate su quali batterie acquistare, i dati chiave saranno forniti su un’etichetta. Un codice QR fornirà l’accesso a un passaporto digitale con informazioni dettagliate su ciascuna batteria che aiuterà i consumatori e in particolare i professionisti lungo la catena del valore nei loro sforzi per rendere l’economia circolare una realtà per le batterie.

Aziende attente a litio, cobalto e nichel

In base agli obblighi di due diligence della nuova legge, le aziende devono identificare, prevenire e affrontare i rischi sociali e ambientali legati all’approvvigionamento, alla lavorazione e al commercio di materie prime come litio, cobalto, nichel e grafite naturale contenute nelle loro batterie. Il massiccio aumento previsto della domanda di batterie nell’UE non dovrebbe contribuire a un aumento di tali rischi ambientali e sociali.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Ue, Sassoli “Impegno reciproco vitale per il partenariato orientale”

Redazione

Pubblica amministrazione, 225 mld tra sprechi e inefficienze

Maurizio Piccinino

Florovivaismo in ottima salute: le produzioni italiane oltre i 3,1 miliardi

Valerio Servillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.