venerdì, 19 Luglio, 2024
Attualità

Miur, firmato il Dpcm sulla formazione dei docenti della scuola secondaria di I e II grado

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha annunciato la sottoscrizione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Giorgia Meloni che definisce i nuovi percorsi di formazione iniziale degli insegnanti della Scuola secondaria di I e II grado. Il provvedimento è stato varato al termine di un’articolata interlocuzione con la Commissione europea e dopo il confronto con le Organizzazioni sindacali e l’acquisizione dei pareri degli organi consultivi rappresentativi del mondo della scuola e di quello accademico, di cui sono stati recepiti molteplici suggerimenti e indicazioni. Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha dichiarato: “Con questo Decreto abbiamo varato una riforma del PNRR che era attesa da oltre un anno. La firma del nostro articolato al 31 luglio, dopo un confronto serrato e costruttivo con la Commissione europea e in piena intesa con il Ministero dell’Università, consente di avviare i percorsi universitari già nel prossimo anno accademico e in coordinamento con le altre procedure di reclutamento, i concorsi previsti dal PNRR”.

Nuova generazione di insegnanti

In riferimento alle nuove misure Giuseppe Valditara ha detto: “Grazie a queste misure avremo una nuova generazione di insegnanti fortemente strutturati con alle spalle un importante percorso di formazione disciplinare e pedagogica e meccanismi di valutazione che garantiranno l’efficacia didattica. Questo nuovo corso è un salto in avanti nell’ottica della qualità dell’insegnamento e della costruzione di una scuola che sia davvero punto di riferimento per le famiglie e per gli studenti”. Sul portale istituzionale del Miur si legge: “Il percorso formativo standard prevede l’acquisizione di almeno 60 Cfu (Crediti formativi universitari) /Cfa (Crediti formativi accademici). Gli altri percorsi, pari a 30 o 36 crediti formativi, sono rivolti a chi abbia già svolto un servizio di almeno tre anni scolastici e a coloro che abbiano conseguito 24 Cfu/Cfa in base al previgente ordinamento”.

Sistema di accreditamento

Riguardo ai punti principali del Dpcm è previsto un rigoroso sistema di accreditamento affidato all’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur), che definisce i percorsi di contenuto, le procedure di monitoraggio sul livello qualitativo della formazione e la valutazione finale degli aspiranti docenti. Tutti i nuovi percorsi si concluderanno con una prova scritta e una lezione simulata. Il superamento dell’esame finale garantirà ai candidati il conseguimento della formazione professionalizzante delineata dagli standard minimi del docente abilitato, grazie alle modalità di svolgimento della prova e alla specifica composizione prevista per la commissione giudicatrice. Inoltre, i percorsi formativi saranno oggetto di una valutazione periodica da parte dell’Anvur che, per assicurare omogeneità della qualità dell’offerta formativa da parte delle università, terrà conto del ‘tasso di successo’ dei nuovi abilitati alle procedure di reclutamento per la scuola.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Dal Pnrr 450mln per le infrastrutture di riciclo rifiuti

Lorenzo Romeo

Pnrr: istituito il gruppo di lavoro contro la dispersione scolastica

Angelica Bianco

Energia, Cingolani “I costi di un anno di rincari superano incassi Pnrr”

Romeo De Angelis

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.