giovedì, 5 Agosto, 2021
Società

Quarant’anni fa l’assassinio di Vittorio Bachelet

Il 12 febbraio di quarant’anni fa, al termine di una lezione, mentre conversava con la sua assistente dell’epoca, Rosy Bindi, il professore Vittorio Bachelet, dirigente dell’Azione Cattolica e della Democrazia Cristiana, nonché vicepresidente del Pontificio consiglio per la famiglia, del Pontificio consiglio della giustizia e della pace e del Comitato italiano per la famiglia, veniva assassinato da un nucleo armato delle Brigate Rosse all’interno della facoltà di Scienze politiche della Sapienza.

Per rileggere la sua capacità di lettura della società e di apertura al dialogo, in anni non facili, la Presidenza nazionale dell’Azione cattolica e dall’Istituto per lo studio dei problemi sociali e politici “Vittorio Bachelet” organizza il convegno “Vittorio Bachelet, uomo della riconciliazione”.

L’evento si terrà a Roma il 7-8 presso l’Hotel Casa Tra Noi (Roma, via Monte del Gallo 113). I lavori inizieranno venerdì 7 febbraio alle ore 15.30 (sino alle ore 19) con “Bachelet nella società e nelle istituzioni”. Coordina Gian Candido De Martin, presidente del Consiglio scientifico dell’Istituto “Vittorio Bachelet”. In programma una relazione dello storico Guido Formigoni, Università Iulm e poi una tavola rotonda con Rosy Bindi, già ministro e presidente della Commissione parlamentare Antimafia; Michele Nicoletti, università di Trento; Luigi Scotti, già componente del Consiglio superiore della magistratura (Csm). Intervento di Luciana Lamorgese, ministro degli Interni su Le istituzioni al servizio dell’unità del Paese. La giornata si chiuderà con la celebrazione della Santa Messa in memoria di Vittorio Bachelet, presieduta da monsignor Gualtiero Sigismondi, assistente generale dell’Azione Cattolica, e vescovo di Foligno. I lavori riprendono sabato mattina alle ore 9.00 (sino alle ore 13.00) con “Bachelet nella Chiesa dopo il Concilio Vaticano II”. Coordina Lorenzo Caselli, vicepresidente  del Consiglio scientifico dell’Istituto “Vittorio Bachelet”. Dopo la relazione di monsignor Ignazio Sanna, presidente della Pontificia Accademia di Teologia, ci sarà una tavola rotonda con Marco Ivaldo, università di Napoli “Federico II”; Maria Leonardi, già presidente della Gioventù femminile di Azione cattolica; Gianfranco Maggi, già vicepresidente del Settore giovani di Azione cattolica. Dopo il dibattito, le conclusioni di Matteo Truffelli, presidente nazionale dell’Ac. Al termine è prevista la Consegna del Premio “Vittorio Bachelet” per Tesi di laurea – edizione 2019.

Sponsor

Articoli correlati

In ricordo di don Luigi Sturzo

Luigi Pacella

Verso Ferragosto: gli interrogativi sul prossimo futuro

Giampiero Catone

Ricordiamo chi siamo

Redazione

Lascia un commento