domenica, 3 Marzo, 2024
Esteri

Mine, malattie e altro: i pericoli in agguato nelle acque alluvionali dell’Ucraina

Le mine terrestri, spostate a causa delle inondazioni sulla scia del crollo della diga di Kakhovka, potrebbero rappresentare una minaccia mortale per migliaia di persone durante l’evacuazione e un grave pericolo per i civili nell’Ucraina meridionale per i decenni a venire. Gli avvertimenti dei principali enti di beneficenza e di entrambe le parti in guerra arrivano mentre aumentano anche i timori sui rischi derivanti da malattie trasmesse dall’acqua e sostanze chimiche pericolose che potrebbero avvelenare non solo le acque alluvionali, ma anche il Mar Nero, un corso d’acqua cruciale. Migliaia di mine inesplose potrebbero essere state spazzate via da aree precedentemente delimitate, contribuendo a rendere l’Ucraina il peggior conflitto per ordigni inesplosi dal 1945. L’Halo Trust, un’organizzazione non governativa per lo sminamento terrestre con sede a Washington, ha condotto operazioni di sminamento in tutto il mondo, ma per Mike Newton, capo delle sue operazioni in Europa, che ha lavorato in Mozambico, Cambogia e Somalia, nessuna di esse è paragonabile al sfida attuale. “Questa è la più grande contaminazione dalla seconda guerra mondiale – ha dichiarato Newton – I Balcani impallidiscono in confronto”. Halo ha svolto indagini approfondite sulle mine anticarro nella regione che circonda Mykolaiv, a circa 60 miglia a nord-ovest della città di Kherson e a 30 miglia dal fiume Dnepr. La città è stata liberata dal controllo russo a novembre. Solo nell’ultimo mese, le sue squadre hanno trovato più di 5.000 mine anticarro nella regione di Mykolaiv, 464 delle quali vicino alle rive del fiume. Tre di quei campi minati sono ora completamente sott’acqua. “Questa è solo un’istantanea di ciò che potremmo trovare in altri posti – ha continuato Newton – Il cedimento della diga è etichettato come disastro umanitario ed ecologico senza precedenti, con migliaia di evacuati finora tra le richieste di aiuti internazionali”. Oleksandr Prokudin, capo dell’autorità militare regionale di Kherson, ha detto venerdì che 2.300 persone sono state salvate da 3.600 case in 32 città della regione. I servizi di emergenza sono stati persino in grado di salvare 550 “giovani amici”, ovvero gli animali. Le mine terrestri potrebbero rappresentare una minaccia particolare per i civili sulla sponda sinistra o orientale del fiume controllata dai russi, dove l’esercito del Cremlino ha trascorso mesi a costruire difese contro la controffensiva ucraina appena lanciata. “Temendo uno sfondamento delle forze di difesa attraverso il fiume Dnipro, hanno formato lì campi minati molto ampi e a più corsie – ha detto Natalia Humeniuk, portavoce del comando militare meridionale dell’Ucraina – Quelle mine spazzate via hanno spinto indietro le difese russe tra le 3 e le 9 miglia”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Le insidie russe e le scelte strategiche della Nato

Renato Caputo

Von der Leyen: Ue continuerà a sostenere l’Ucraina

Emanuela Antonacci

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.