lunedì, 17 Febbraio, 2020
Articoli del Giorno Cultura

Giornalismo in lutto, è morto Enzo Pagliaro

Lutto nel mondo del giornalismo. Ci lasciati a 71 anni il Maestro Enzo Pagliaro, storico grafico del Mattino e di Sport Sud prima e art director de la Discussione.

Giunto a Roma dopo aver chiuso la sua parentesi lavorativa nel quotidiano napoletano, Pagliaro si era buttato a capofitto nella nuova avventura editoriale vissuta quasi come una seconda giovinezza.

A lui era stato affidato il compito di ridisegnare l’intero assetto grafico di un giornale antico alla ricerca di freschezza. Ma non si limitava solo a questo. Partecipava alle riunioni attivamente, suggerendo temi, inchieste e pagine speciali. E se qualcuno si trovava in difficoltà era pronto a gettarsi nella mischia per dare un mano al desk. Affrontava le difficoltà della vita redazionale senza ansie, sempre con il sorriso sulle labbra. Lettore incallito, era un abile conversatore e possedeva una propensione non comune all’ascolto. Il giornalismo per lui non era solo un lavoro, ma una passione innata che produceva cameratismo.

Dopo la chiusura del giornale ci si intratteneva a discutere di politica. E la conversazione finita sempre a tavola o nelle “sue” trattorie preferite sparse nell’Urbe o a casa dove non poteva mancare la pasta condita con la nduja e il vino buono.

Originario di Cervicati, era fiero delle sue radici calabresi. Non perdeva occasione per raccontare aneddoti sulla sua terra, in modo particolare sulle tradizioni popolari e sulle eccellenze enogastronomiche. Ci mancherà. Moltissimo. I funerali si terranno domani mattina, alle 10, a Napoli nella chiesa di San Pasquale a Chiaia.

Related posts

Voto per le regionali e interrogativi sul governo

Giampiero Catone

Salvini contestato a Soverato, interviene la polizia

Redazione

In Calabria curata e liberata in mare tartaruga caretta caretta

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni