martedì, 23 Luglio, 2024
Esteri

Probabile nuova ondata Covid in Cina. Il picco potrebbe raggiungere 65 milioni di casi a settimana

La Cina si sta preparando a una nuova ondata di infezioni da Covid-19. Il picco, previsto per la fine di giugno, potrebbe portare fino a 65 milioni di casi alla settimana. Una previsione sorprendente in un paese che solo pochi mesi fa aveva applicato alcuni dei protocolli di controllo Covid più severi del pianeta. Ora, con l’ ultima variante omicron, XBB , che alimenta una ripresa dei casi, la risposta del governo e del pubblico cinese è nella migliore delle ipotesi attenuata. L’ondata arriva circa sei mesi dopo che Pechino ha smantellato la sua tentacolare infrastruttura per affrontare il Covid, inclusi blocchi, test di massa, quarantene soffocanti e severi requisiti di maschera. “Le persone si sentono diversamente riguardo a questa ondata – ha dichiarato Qi Zhang, 30 anni, che lavora in una società finanziaria nella città settentrionale di Tianjin – L’ultima volta tutti erano terrorizzati, ma ora non pensano sia un grosso problema”. I dati sono stati rivelati dallo specialista in malattie respiratorie Zhong Nanshan durante una conferenza medica nella città meridionale di Guangzhou. Secondo i media statali, Zhong ha detto al pubblico che l’ondata iniziata alla fine di aprile era “anticipata” e che il suo modello suggeriva che la Cina si sarebbe potuta avvicinare a 40 milioni di infezioni a settimana. Entro la fine di giugno, ha affermato, il numero settimanale di infezioni dovrebbe raggiungere il picco di 65 milioni. Gli Stati Uniti, al confronto, riportavano più di 5 milioni di casi alla settimana durante il picco nel gennaio 2022. Come gli Stati Uniti, la Cina ha smesso di fornire aggiornamenti settimanali, rendendo difficile conoscere la reale portata dell’attuale epidemia. Il Dipartimento di Stato ha affermato che gli Stati Uniti avevano imposto un requisito di test ai viaggiatori provenienti dalla Cina a gennaio prima di revocarlo a marzo. Gli USA stavano discutendo della seconda ondata di Covid in Cina con alleati e partner, ma si sono rifiutati di dire se fossero state prese in considerazione restrizioni ai viaggi. Il portavoce Matt Miller ha affermato che il dipartimento monitorerà la situazione in collaborazione con i Centers for Disease Control and Prevention prima di aggiornare le linee guida di viaggio. “Non vogliamo vedere persone che soffrono per il Covid-19 – ha dichiarato Miller – Il governo degli Stati Uniti rimane impegnato a lavorare con la Cina sulle sfide transnazionali, comprese le questioni sanitarie globali e il mantenimento di linee di comunicazione aperte”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Coronavirus: Campagna “Distanti ma Uniti”, nasce Home Comunity

Redazione

Controlli a tappeto nelle palestre. Sos degli operatori: “In due giorni incassi dimezzati”

Marta Moriconi

Covid: nell’ultima settimana nuovi casi in calo del 5,5%

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.