martedì, 25 Giugno, 2024
Politica

Lavoro femminile, demografia. made in Italy. Tre scommesse per la credibilità del Governo

Al Salone del Mobile Giorgia Meloni lancia nuove importanti riforme

Un governo che pensa di restare in carica per tutta la legislatura sa che ci sono interventi che si possono e devono fare subito e altri che richiedono una complessa strategia che può cominciare a dare i frutti nel medio-lungo periodo. Tali sono i tre interventi annunciati dal Presidente del Consiglio.
Il Governo varerà a breve una legge quadro per la difesa e la promozione del marchio italiano. Non deve trattarsi solo di una battaglia di bandiera per una leader che ha uno spiccato senso della nazionalità. Il Made in Italy inteso come bollino di qualità dei nostri prodotti va sicuramente difeso da contraffazioni, da concorrenza sleale.

Made in Italy e competitività

È una fonte di ricchezza e di orgoglio nazionale e ha ricadute generali sull’immagine positiva del nostro Paese. Il made in Italy va anche promosso. E questo richiede non solo buone campagne di comunicazione e di pubbliche relazioni ma soprattutto investimenti sul mondo produttivo che deve essere messo in condizione di poter continuare a cercare la qualità dei prodotti senza sbattere quotidianamente il muso contro inutili burocrazie e regole paralizzanti o inapplicabili. Ma c’è di più. La vera difesa del made in Italy è strettamente legata alla competitività delle nostre imprese. E questa competitività negli anni è scesa molto. Essa dipende da vari fattori, soprattutto innovazione ed efficienza nei servizi ma anche vera concorrenza interna che stimola la corsa verso livelli di qualità ed efficienza più alta.

Donne, mamme e lavoro

Meloni ha parlato anche della valorizzazione del lavoro femminile che va portato alla media europea. Questo però richiede forti politiche sociali di sostegno a coloro che devono lavorare e mettere al mondo e crescere i figli. Una politica pubblica sicuramente ma che per funzionare richiede anche un cambiamento nella cultura delle aziende nelle quali il lavoro femminile non viene remunerato come quello maschile e alle lavoratrici non viene dato alcun supporto aggiuntivo che tenga conto del loro ruolo di madri. Meloni ha accennato al tema della natalità che è un aspetto essenziale di una strategia demografica urgentissima per l’Italia che comporta interventi anche in tema di casa, credito, sostegno alle giovani coppie.

Tre sfide cruciali

Si tratta dunque di tre sfide su cui il Governo ha il compito di predisporre interventi e l’opposizione di contribuire anche cin sue proposte. Sono temi non divisivi su cui dovrebbe scattare una sorta di coralità costituzionale di tutti i partiti. Che non dovrebbero pensare al prossimo sondaggio ma al futuro del nostro Paese e delle giovai generazioni.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Avviate le due nuove missioni ‘Aspides e Levante’, il Ministro Crosetto: “L’approvazione dimostra il ruolo delle nostre Forze Armate a difesa degli interessi del Paese”

Valerio Servillo

Putin: pagate il gas con i rubli. Berlino: violazione dei contratti. Draghi: su energia, risposta europea

Maurizio Piccinino

Governo. Chi ha vinto chi ha perso

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.