martedì, 23 Aprile, 2024
Attualità

Ucid Lazio: Riccardo Pedrizzi confermato presidente

Si sono svolti ad Anagni, in provincia di Frosinone, il Consiglio Direttivo e l’Assemblea elettiva del Gruppo Regionale Lazio dell’UCID (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti), associazione federale che dal 1947 in Italia richiama i propri aderenti, manager e capitani d’impresa, alla testimonianza dell’etica e della dottrina sociale della Chiesa. L’incontro, tenutosi presso l’Hotel Colaiaco, ha voluto inaugurare una nuova stagione di riunioni direttive itineranti nei territori della regione.

Il Consiglio e l’Assemblea all’unanimità hanno confermato Riccardo Pedrizzi come presidente regionale per i prossimi tre anni di mandato, riconfermando anche Roberto Mezzaroma e Annamaria D’Achille vicepresidenti, Benedetto Delle Site segretario generale e Luigi De Bernardis tesoriere. Sono state inoltre istituite cinque nuove commissioni: Formazione e lavoro, Sanità, Credito ed educazione finanziaria, Economia del mare e Giubileo 2025 assegnate rispettivamente al coordinamento di Ombretta Di Monte (vicepresidente Sezione Ucid di Anagni-Alatri), Moreno Di Legge (presidente Sezione Ucid di Sora-Cassino), Paolo Grignaschi (membro del Comitato Tecnico Scientifico nazionale), Valentina Di Milla (presidente Sezione Ucid di Gaeta-Sud Pontino) e Dario Pasquariello (segretario Sezione Ucid di Roma).

L’incontro è stato anche l’occasione per la presentazione di due sezioni territoriali di recentissima costituzione, quella di Gaeta-Sud Pontino guidata da Valentina Di Milla e quella di Anagni-Alatri presieduta da Salvatore Cataldi, il quale ha ospitato l’evento e introdotto i lavori insieme al Vescovo ausiliario di Roma, Mons.Paolo Selvadagi, che dell’Ucid Lazio è il consulente ecclesiastico regionale.

“Alle porte del Giubileo 2025 – sottolinea il neopresidente Riccardo Pedrizzi – abbiamo ritenuto di avviare, di concerto con il Vescovo S.Ecc. Mons. Selvadagi nostro assistente spirituale, una stagione di incontri direttivi itineranti, visitando alcuni fra i luoghi più belli e ricchi di significato della nostra regione. Abbiamo altresì – continua Pedrizzi – voluto istituire dei gruppi di lavoro su aree tematiche strategiche a livello economico, istituzionale e spirituale, nei quali i nostri aderenti, forti delle proprie esperienze professionali e relazioni potranno mettersi al servizio di un progetto di rilancio dell’Ucid nel territorio regionale, fortemente investito dagli effetti sociali ed economici della pandemia, e di sostegno alla grande sfida che il Giubileo rappresenta per il Lazio e per l’Italia nel triennio di mandato”.

Alla riunione hanno partecipato le delegazioni di Roma (presidente di sezione Giorgio Gulienetti), Tivoli (presidente di sezione Daniela Napoleone Bulgarini), Latina (presidente di sezione Francesco Berardi),  Frosinone (presidente di sezione Fabio Tagliaferri), Viterbo (presidente di sezione Roberto Migliorati), Sora-Cassino, Anagni-Alatri, Gaeta-Sud-Pontino.

Il Gruppo Regionale del Lazio è uno dei gruppi regionali più importanti dell’associazione degli imprenditori e dei dirigenti d’azienda cattolici, che nasce nel secondo dopoguerra su iniziativa dei cardinali Giuseppe Siri e Ildefonso Schuster ed è una struttura federale basata su sezioni territoriali diocesane e gruppi regionali e interregionali. Ne fanno parte imprenditori, dirigenti, quadri d’impresa e delle amministrazioni pubbliche, liberi professionisti, docenti universitari, che si impegnano a testimoniare con coerenza il messaggio evangelico e la dottrina sociale della Chiesa. I principi ispiratori dell’Ucid sono la centralità della persona umana; l’equilibrato utilizzo dei beni della terra; il sano e corretto esercizio dell’impresa e della professione; la promozione del progresso economico e sociale; la propagazione del Vangelo e dei valori cristiani nell’impresa, nella famiglia e nella società, secondo le indicazioni della dottrina sociale della Chiesa.

“L’Ucid regionale del Lazio ogni anno per una consuetudine ultradecennale – aggiunge il neo segretario generale Benedetto Delle Site – organizza un cenacolo ribattezzato la Cernobbio dei cattolici, che è ormai un appuntamento di livello nazionale al quale ogni anno partecipano e relazionano le cariche apicali dello Stato, gli esponenti del Governo in carica, i gran commis dell’industria pubblica e privata italiana, delle banche, della finanza, delle organizzazioni di categoria. Quest’anno, l’evento, svolto lo scorso 28 marzo presso il Palazzo dell’Arte Antica all’Eur e con a tema ‘L’autonomia energetica per la sovranità nazionale’, ha visto intervenire l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi, il vicepremier e ministro degli affari esteri Antonio Tajani, il ministro della famiglia, delle pari opportunità e natalità Eugenia Roccella, il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri, la presidente dell’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici Maria Bianca Farina, il Direttore dell’Agenzia Dogane e Monopoli Roberto Alesse e altri importanti esponenti delle istituzioni politiche, economiche ed ecclesiastiche, come S. Em. Rev.ma il Cardinale Giovanni Battista Re, che è il Decano del Collegio Cardinalizio. La nostra azione punta a raggiungere un’ambiente non sempre facile da intercettare da parte della cura pastorale della Chiesa e a seminarvi i valori sociali e perenni del Cristianesimo, offrendo sollecitazioni, proposte e soluzioni sia alle aziende che alla pubblica amministrazione passando per il tessuto associazionistico, quei corpi sociali intermedi che sono la base della nostra società”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Van Gogh: ultimi giorni a Palazzo Bonaparte

Lucrezia Cutrufo

Corsa al risparmio. Confesercenti: l’incertezza danneggia i consumi

Francesco Gentile

Esercitazione ‘Mangusta’. In Toscana impiegati più di 500 uomini

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.