giovedì, 22 Febbraio, 2024
Attualità

Edilizia. La Cna: basta attese, serve la massima urgenza, il Mef convochi il tavolo sui crediti

Codice rosso per le imprese con “crediti incagliati”. La sollecitazione al Ministero dell’economia e finanze di
“massima urgenza” arriva dalla Cna, per la convocazione del tavolo tecnico
per “trovare soluzioni concrete ed efficaci all’emergenza dei crediti incagliati nei cassetti fiscali delle imprese della filiera delle costruzioni”.

Interventi rapidi

“Ogni giorno che passa si aggrava la situazione di migliaia di imprese e aumenta il numero di cantieri che si bloccano per l’impossibilità di portare a termine i lavori”, scrive la Confederazione nazionale degli artigiani, “La riclassificazione della contabilità da parte dell’Istat e i numeri forniti dall’Agenzia delle Entrate consentono di avere un quadro chiaro per intervenire con la massima rapidità. Nonostante banche e assicurazioni dispongano ancora di ampia capienza fiscale, non si è ancora riattivato il mercato della cessione dei crediti incagliati, rendendo ineludibile un intervento diretto da parte dello Stato”.

Transizione energetica

La seconda priorità del tavolo tecnico, ricorda la Cna, è ridefinire in tempi rapidi il sistema degli incentivi per la riqualificazione energetica e messa in sicurezza degli immobili, “strumento fondamentale”, puntualizza la Confederazione, “per centrare gli obiettivi della transizione energetica e per dare impulso alla crescita economica come certificano le performance del Pil, occupazione e investimenti dell’ultimo biennio, grazie a oltre 50 miliardi l’anno di investimenti privati aggiuntivi”.

Benefici ridimensionati

Occorre evidenziare, ricorda la Confederazione, “che il cosiddetto Superbonus è stato già ridimensionato nei mesi scorsi riducendo il beneficio dal 110% al 90%, vincolandolo alle prime case e con limiti di reddito. Intervento che sta già producendo un rallentamento vistoso”. “La cancellazione dell’opzione della cessione del credito (per tutti i bonus casa) prevista nell’ultimo decreto del Governo”, a giudizio della Cna, “riporterebbe il mercato della riqualificazione sui valori precedenti il 2020 allontanando il Paese dagli impegni sottoscritti sul taglio delle emissioni e la riduzione dell’utilizzo delle fonti fossili”.

 

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Il Pos e la moral suasion sulle banche

Riccardo Pedrizzi*

Toghe e politica, la guerra che delegittima entrambe

Giuseppe Mazzei

Gli artigiani scrivono a Draghi. La Cna: bonus edilizi, no alla cessione del credito una sola volta. La norma va cambiata

Gianmarco Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.