giovedì, 1 Giugno, 2023
Parco&Lucro

Sul radar delle Borse non appare la recessione

L’inflazione core negli Usa, venerdì scorso  ha scoraggiato i mercati con il suo  +4,7% a gennaio, oltre lil previsto +4,3%. Il Nasdaq ha aperto in rosso del 2%, il Ftse Mib ha virato al ribasso e chiuso a -1%. I prezzi, negli Stati Uniti ma anche in Europa, restano un problema difficile da risolvere a breve.  La curva swap che monitora le attese dei mercati sulle banche centrali vede i tassi in Eurozona al 3,6% in autunno e al 5,35% negli Usa. Sarà così?

Recessione? L’autorevole opinione di Ken Fisher

Ken Fisher , sul Sole 24Ore, sottolinea che nei suoi  50 anni di esperienza nella gestione finanziaria ha osservato che le recessioni sono sempre stati eventi inattesi, come confermato , se servisse, da un sondaggio di PwC della fine dello scorso anno, dal quale  è emerso che il 63% dei Ceo italiani prevedeva una contrazione economica nel 2023, come evidenziato anche da Ernst &Young, secondo il cui rilevamento  il 98% dei Ceo a livello globale si aspetta una recessione. Attese che storicamente non ci sono state prima delle precedenti recessioni.

Sempre Fisher prosegue la sua analisi sottolineando che  il Ftse Mib è salito dai minimi di marzo 2020, mentre il Pil del secondo trimestre 2020 è sprofondato a -12,1% (trimestre su trimestre), o come nella crisi del debito dell’Eurozona nel 2010, il MIB ha raggiunto il minimo il 24 luglio 2012, mentre il Pil italiano non è cresciuto fino al terzo trimestre 2013. Conclude lo studioso che le aziende hanno avuto mesi per prepararsi, il che promette bene per i rendimenti del 2023.

Segnali incoraggianti in Europa, tra falchi e colombe

Il 2022 è stato l’anno della guerra in Ucraina ed anche uno degli anni più difficili dell’ultimo ventennio sui mercati. Ma a 12 mesi da quella data le borse europee hanno mostrato una grande voglia di ripresa: con dati aggiornati al 22 febbraio, il Ftse Mib ha registrato un +14,63%; il CAC 40 un +12,11% .

A febbraio l’indice Pmi composito dell’Eurozona è cresciuto oltre le attese da 50,3 a 52,3 punti, raggiungendo così il livello più elevato dallo scorso settembre e confermando ciò che si sta via via delineando da qualche settimana a questa parte: le prospettive di crescita appaiono sempre meno negative e i paventati rischi di recessione stanno diminuendo, almeno nel breve termine.

Intanto il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, afferma che “La Bce alzerà i tassi nella misura necessaria ad assicurare un ritorno dell’inflazione: “non possiamo indicare adesso quale sarà il tasso finale, se il 3,5%, il 3,25% o il 3,75%, perché dipende davvero dai dati”, e continua “Il nostro obiettivo è tornare a un’inflazione del 2% nel medio termine. Se dobbiamo essere più restrittivi, saremo più restrittivi”. Visco ha anche definito “necessaria” la “graduale riduzione” dei bond in portafoglio che inizia a marzo.

Il Governatore della Banca di Francia, François Villeroy de Galhau, aveva dichiarato appena una settimana fa che i tassi BCE avrebbero raggiunto il picco a settembre e che a quel livello sarebbero rimasti “per almeno un anno”, al fine di centrare il target d’inflazione.

Tra attese e realtà, si prospetta un 2023 ricco di possibilità, da tutti i punti di vista.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

La riforma fiscale del risparmio

Diletta Gurioli

Crisi di impresa e insolvenza, scattano le nuove norme. Controlli stringenti ma più garanzie per le società in difficoltà

Marco Santarelli

Intervista a Mario Serpillo, Presidente dell’UCI-Unione Coltivatori Italiani. Agricoltura biologica: finalmente in arrivo la legge?

Andrea Martire

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.