lunedì, 25 Maggio, 2020
Economia

Credito: Federcasse “pronti a collaborare per banca investimenti Sud”

Sponsor

“Per quanto riguarda la costituzione di una banca per gli investimenti – in ragione del proprio radicamento nei territori e del proprio esclusivo orientamento operativo di finanziamento dell’economia reale – il Credito Cooperativo si rende disponibile a valutare eventuali possibilità di collaborazione, in via complementare e sussidiaria, con la nuova realtà finanziaria che si intende costituire”. Lo ha affermato una delegazione di Federcasse, composta dal presidente Augusto dell’Erba, dal vice presidente vicario Luca Occhialini, dal direttore generale Sergio Gatti e dal vice direttore generale Roberto Di Salvo, in Commissione Finanze alla Camera sul decreto “Misure urgenti per il sostegno al sistema creditizio del Mezzogiorno”.

“In particolare – spiega Federcasse – si potranno valutare forme di collaborazione – in una logica di partnership – che consenta alle BCC e ai Gruppi Bancari Cooperativi di ampliare la propria offerta alle imprese e agli enti locali del territorio.

L’eventuale collaborazione con la nuova Banca potrebbe ad esempio riguardare il rafforzamento della struttura delle imprese di minori dimensioni e la realizzazione di piccole infrastrutture o piccoli interventi infrastrutturali”.

Le BCC hanno erogato nel 2018, a livello nazionale, 832 milioni di euro (+44% rispetto al 2017) a favore di oltre 6 mila famiglie per acquistare la prima casa avvalendosi della garanzia pubblica di Consap. Le BCC hanno erogato nel 2018 il 12% dei finanziamenti in termini di importo ed il 15% del totale delle pratiche approvate con la garanzia del Fondo di garanzia PMI, ovvero 2,3 miliardi di euro (+13% rispetto al 2017) e 19.605 pratiche. Per il 94% dei casi si è trattato di operazioni riguardanti micro e piccole imprese.

Le BCC hanno erogato oltre 284 milioni di euro di finanziamenti a favore di imprese femminili, microcredito, start-up innovative e imprese e cooperative sociali (+26% rispetto al 2017) sempre con la garanzia del Fondo di garanzia PMI; l’82% delle BCC del Sud aderisce all’iniziativa Resto al Sud di Invitalia. Il 14% delle pratiche erogate proviene dalle BCC. Di particolare interesse si preannuncia inoltre, per il Credito Cooperativo, la possibilità di contribuire a veicolare nel Mezzogiorno le risorse del nuovo Programma di investimenti strutturali 2021-2027 dell’Unione Europea, InvestEU, che si concentrerà su quattro grandi linee di intervento: infrastrutture sostenibili; ricerca, innovazione e digitalizzazione; piccole e medie imprese; investimenti sociali.

Federcasse, rispetto alla ratio del decreto, propone alcuni interventi normativi che riguardano le BCC e che, senza alcun onere per lo Stato ed a “costo zero”, “potrebbero essere introdotti nel provvedimento stesso, con la finalità di sostenere la capacità di servizio delle BCC alle esigenze delle imprese e dei cittadini loro clienti.

Tali proposte sono relative al necessario, non ancora completato, adeguamento normativo conseguente alla piena operatività della riforma del Credito Cooperativo, con l’avvio dei Gruppi Bancari Cooperativi e del percorso di autorizzazione/costituzione dell’IPS per le Casse Raiffeisen dell’Alto Adige”. (Italpress)

Articoli correlati

Un caffè con… Raffaele Nigro

Michele Rutigliano

Paradossi del reddito di cittadinanza

Carmine Alboretti

Giovani e imprese, tornano gli incentivi fiscali per le assunzioni. Novità 2020: gli sgravi per il Sud saranno il 100%

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni