venerdì, 19 Luglio, 2024
Lavoro

Confronto europeo tra sindacati metalmeccanici. Palma (Fiom-Cgil): solidarietà, lavoro e sviluppo per uscire dalla crisi

Misure urgenti e di “sistema”, per una industria europea che ha bisogno di cambiare ad iniziare dal rilancio dei progetti come solidarietà, lavoro salari e sviluppo. Sono i temi discussi nel confronto tra sindacati metalmeccanici europei nella iniziativa “IndustriAll Europe”, dal titolo: “Contrattare per la giusta transizione in tempi di crisi, di costo della vita e dell’energia”. “La situazione industriale, economica e sociale già difficile in Europa, rischia di essere ancora più complessa nel nostro Paese ed impone la necessità di dare risposte
urgenti, sistemiche e strutturali”, afferma Michele De Palma, segretario generale Fiom-Cgil, intervenendo alla conferenza stampa congiunta dei sindacati europei.

Il prezzo pagato dagli operai
Per il leader della Fiom-Cgil c’è una urgente necessità di cambiare puntando con determinazione sulla fine del conflitto ucraino, sul rilancio dei temi solidaristici e sul lavoro. “L’Europa e l’Italia
devono affrontare la transizione industriale in un contesto caratterizzato dalla guerra in Ucraina, dall’aumento dell’inflazione, dalla crisi di mercato sia nell’approvvigionamento di materie prime e
componenti che di vendita di prodotti e dei servizi”, osserva Michele De Palma, “In un contesto di forte instabilità economica e politica globale, sono le lavoratrici e i lavoratori a correre il rischio di pagare un prezzo durissimo”.

Solidarietà e sviluppo
Tra le soluzioni indicate dai sindacati quella di una Europa che investa in solidarietà e sviluppo. “E’ necessario costruire una strategia comune europea”, evidenzia il segretario generale Fiom-Cgil, “anche attraverso investimenti, e fondi solidaristici come è stato per il Recovery Fund e per il fondo Sure, per rilanciare il lavoro industriale, proteggere e migliorare il potere d’acquisto dei salari delle lavoratrici e dei lavoratori colpiti dall’inflazione e dal caro bollette.
Occorre che l’Europa svolga un ruolo fondamentale per fermare la guerra e aprire un negoziato”.

Dare risposte ai lavoratori
Per la Fiom è necessario creare le condizioni di una ripresa europea che sia attenta alle ragioni dei lavoratori, ad iniziare dal sostegno ai redditi. “L’Europa”, prosegue Michele De Palma, “deve dare risposte
positive e concrete alle lavoratrici e ai lavoratori creando strumenti adeguati per il sostegno ai redditi, allo sviluppo dell’occupazione di qualità e dotandosi di chiare politiche industriali con il coinvolgimento delle parti sociali, in grado di dare all’Europa una politica energetica comune, una duplice transizione verde e digitale”.

Più coordinamento sindacale
La situazione attuale per la Federazione italiana operai metalmeccanichi è conflittuale mentre serve un confronto con le istituzioni. “In molti Paesi europei”, spiega segretario generale Fiom-Cgil, “sono in corso
contrattazioni, manifestazioni, scioperi per tutelare le cittadine e i cittadini, è necessario un maggiore e più forte coordinamento tra le organizzazioni sindacali”, chiede infine Michele Palma, “per contrattare
nei confronti delle Istituzioni e del sistema delle imprese anche attraverso mobilitazioni e un’iniziativa comune dei sindacati europei”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Imperialismi del terzo millennio. Strategia Usa-Ue di contenimento

Giuseppe Mazzei

Confindustria-Sindacati, prove di dialogo su green pass e tamponi. Poi i dossier su pensioni e fisco

Francesco Gentile

Assemblea nazionale Confcommercio: il futuro delle imprese, relazione del presidente Sangalli

Leonzia Gaina

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.