lunedì, 9 Dicembre, 2019
Editoriale Società

Salviamo la loro e la nostra dignità

Spendiamo soldi per gli immigrati, li lasciamo abbandonati a loro stessi e l’unica strada che gli rimane è un percorso verso il disastro morale … e, prima o poi, i più deboli finiscono col delinquere e col darsi allo spaccio.

Spendiamo circa 1.400,00 euro mese/immigrato ma questi soldi li diamo a enti, cooperative e associazioni meritorie (non tutte) che fanno molto per assisterli, ma senza alcuna prospettiva.  E se invece di pagare le associazioni di gestione dei ricoveri (di ogni tipo: dai residence, ai campi assistiti, ecc…) pagassimo gli immigrati per farli lavorare nei settori dove molti europei, non solo gli italiani, non vogliono più lavorare?

Con brevi corsi di formazione, utilizzando magari anche quei navigator che dovrebbero essere impegnati per trovare un’occupazione ai percettori del reddito di cittadinanza, potremmo addestrarli a lavori agricoli, edili, ambientali e magari anche all’assistenza agli anziani di cui abbiamo un esagerato bisogno.

Se investissimo  per formare forza lavoro in quei settori dove non riusciamo a recuperare italiani, forse una parte dell’immigrazione potrebbe diventare risorsa e non un’inutile minaccia. Diamogli anche lo stipendio minimo che Di Maio vuole garantire agli italiani, ma facciamoli lavorare e salviamo la loro e la nostra dignità.

Related posts

Crimini d’odio: effetti del populismo

Giampiero Catone

Senza giornali liberi niente democrazia

Giuseppe Mazzei

Perché regolarizzare gli stranieri irregolari

Carmine Alboretti

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni