giovedì, 8 Dicembre, 2022
Attualità

L’inferno afgano, un anno dopo il ritorno dei Talebani

È passato un anno da quando i talebani hanno riconquistato il potere in Afghanistan, ma anche dalla promessa della comunità internazionale di non abbandonare la popolazione di quei territori. La realtà è che i fondi destinati agli aiuti sono stati ridotti drasticamente e di questo non parlano più né i media e né la politica. La crisi cronica, però, non ha abbandonato quel Paese che oggi conta 7 ML di persone in povertà assoluta, i prezzi dei beni di prima necessità più cari del 40% e una moneta che ha drasticamente perso valore rispetto al dollaro. Anche la sanità è fatiscente, perché era in gran parte finanziata dalla Banca Mondiale prima dell’avvento del nuovo Governo, con il risultato, per esempio, che la percentuale di donne che muore durante il parto è tra le più alte al mondo.

Due-tre bambini in un solo letto di ospedale

Solo nell’ospedale provinciale della provincia afghana di Zabul si è registrato un aumento del 70% del numero di bambini malnutriti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Infine, la chiusura dello spazio aereo sta rendendo più difficile l’arrivo degli aiuti umanitari. A denunciare la profonda crisi umanitaria senza precedenti è l’agenzia umanitaria Intersos, che non ha mai abbandonato il presidio di quell’area. “La situazione in Afghanistan peggiora di giorno in giorno e non c’è modo più chiaro per rendersene conto se non attraverso le condizioni disperate dei bambini gravemente malnutriti che stiamo curando – ha dichiarato Sergio Mainetti, direttore Afghanistan ad interim di Intersos -. Il mese scorso abbiamo ricoverato quasi 150 bambini nel reparto di nutrizione dell’ospedale provinciale di Zabul e questa settimana abbiamo avuto in cura fino a 33 bambini molto malati. Per far fronte a questa crescente pressione, il nostro team di nutrizionisti ha dovuto mettere due, a volte tre, bambini in ogni letto per garantire loro le cure”.

Un grado di malnutrizione mai raggiunto prima

Disoccupazione, prezzi dei generi alimentari alle stelle e siccità non permettono agli afghani di riuscire a sfamare le proprie famiglie e soprattutto i bambini. Sono le conseguenze del crollo economico provocato dalle sanzioni contro i Talebani e il congelamento dei beni del Paese che stanno avendo un impatto devastante sulla popolazione, come denuncia intersos: “La malnutrizione è sempre stata un problema in Afghanistan, ma non l’abbiamo mai vista su questa scala”

La povertà fa aumentare i matrimoni combinati

Il Report di Save the Children, “Punto di rottura: la vita per i bambini a un anno dalla presa di controllo dei talebani”, lancia un ulteriore allarme sulla situazione delle giovani donne, escluse quasi totalmente dalla società, la maggior parte ridotta alla fame e un quarto di loro in depressione. Nove ragazze su 10 hanno affermato che i loro pasti sono diminuiti nell’ultimo anno, che stanno perdendo peso e che non trovano sufficienti energie per studiare, giocare o lavorare. Più del 45% non frequenta la scuola per il divieto imposto loro dai talebani di frequentare le classi della scuola secondaria oltre agli atteggiamenti conniventi della comunità nei loro confronti. A più di una giovane ragazza afghana su venti (5,5%) è stato proposto il matrimonio come soluzione per mantenere la propria famiglia.

A pagare sono soprattutto le donne e i bambini

Entrambe le organizzazioni umanitarie concordano sulla diagnosi e sul fatto che l’aiuto debba venire dai leader politici internazionali e dal ripristino dei fondi per lo sviluppo e la cooperazione. “Chiediamo alla comunità internazionale e ai talebani – è l’appello lanciato da Intersos – di trovare un modo per rispondere ai bisogni più urgenti della popolazione. Un modo chiaro per farlo sarebbe quello di restituire i beni congelati dell’Afghanistan alla banca centrale e che i governi statunitense e polacco consegnino al Paese la valuta afghana stampata che è stata acquistata e pagata dal precedente governo lo scorso anno. Queste due misure – spiega la ong – affronterebbero la crisi di liquidità e consentirebbero alle persone di accedere ai propri risparmi, alle imprese di riaprire e alle persone di trovare lavoro, guadagnare un reddito e sfamare nuovamente le proprie famiglie”.

Sponsor

Articoli correlati

Crisi di impresa e insolvenza, scattano le nuove norme. Controlli stringenti ma più garanzie per le società in difficoltà

Marco Santarelli

Il popolo afgano allo stremo. Aiuti umanitari in difficoltà

Ranieri Razzante*

Crisi afgana e G20. Draghi chiama Xi

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.