domenica, 26 Maggio, 2024
Società

Nuove generazioni vogliono “staccare” da lavori troppo impattanti

‘Stacco Tutto: verso una felicità sostenibile’ è il titolo dell’indagine a cura dell’Istituto di ricerca Arc dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e dell’Ecosistema Generatività.it in collaborazione con Beate Vivo Farm. La ricerca, condotta su un target di 450 ragazzi dai 18 ai 30 anni, ha indagato una nuova tendenza secondo cui le generazioni più giovani sembrano orientarsi verso la ricerca di un equilibrio interiore, ancorato a uno stile di vita che possa garantire stabilità organizzativa ed emotiva. “Staccarsi” da lavori troppo time spending, da realtà relazionali considerate per sé “tossiche” e da contesti abitativi che impongono stili di vita economicamente non sostenibili. La ricerca in particolare si è soffermata sui fattori capaci di alimentare un sentimento di felicità presso le giovani generazioni ed emergono in particolare 4 elementi: il fattore più citato come risposta (23%) è “stare bene con se stessi”, segue poi lo stato di salute (17,8%), una vita familiare soddisfacente (12,7%) e anche le relazioni di coppia e amicali (11,1%).

Stare bene con se stessi significa accettarsi e valorizzarsi per il proprio vissuto e le proprie specificità, ma anche poter godere di giornate “equilibrate” tra impegno e relax, tra vita lavorativa e vita privata, evitando particolari stress e dedicando tempo e attenzione all’esercizio fisico e all’alimentazione: uno stile di vita sostenibile, capace di generare felicità. L’80% degli intervistati – infatti – sottolinea come estremamente importante prendersi cura del proprio benessere psico-fisico. La maggioranza dei rispondenti dichiara di tendere a questo modello di vita, senza però riuscire pienamente a farlo proprio: il 41% degli intervistati ha affermato “ci provo, ma poi desisto”, il 35% “ci provo in continuazione, ma con scarsi risultati”. Per migliorare la sostenibilità della quotidianità secondo la prossima generazione occorre anche essere in grado di cogliere la bellezza dei momenti di “ordinaria felicità”: una cena in famiglia, una gita con gli amici o un pomeriggio di tranquillità. Dall’indagine emerge come il lavoro rappresenti un’importante fonte di soddisfazione, ma si ricerca un ambiente professionale motivante e non impattante rispetto alla propria vita personale.

L’80% degli intervistati adotta strategie per dividere la vita lavorativa da quella privata, il 56% vorrebbe trovare un impiego che garantisca un buon work-life balance e il 43% vorrebbe inserirsi in un team capace di riconoscere le proprie capacità e garantire un percorso di crescita. “Le prossime generazioni aspirano a nuovi modelli di gestione e modellamento della quotidianità, in grado di ridurre lo stress e fronteggiare in maniera efficace le criticità legate al perdurare dello stato di crisi economica, sociale e sanitaria. Compito delle generazioni più adulte è ascoltare queste istanze e mettere a disposizione le risorse e gli strumenti per concretizzare le progettualità proposte, senza giudicarle in base a criteri di valutazione ormai obsoleti e poco validi”, sottolinea Sara Sampietro, ricercatrice Università Cattolica e responsabile progetto “Stacco tutto”. (ITALPRESS).

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

2022. Infortunati 14.867 studenti, 641 in alternanza scuola-lavoro

Ettore Di Bartolomeo

“Il lavoro non è una merce, ma diritto da tutelare”

Stefano Ghionni

Marketing sostenibile? Non regge se non è coerente

Luca Sabia

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.