giovedì, 12 Dicembre, 2019
Politica

Una svolta per l’ambiente

Il maltempo che ha sconvolto e sconvolge ancora il nostro Paese ha due cause distinte e fra loro complementari: i cambiamenti climatici provocati da un uso e abuso insensati delle risorse naturali e gestione perlomeno disattenta di un territorio strutturalmente fragile qual è il nostro.

Mentre abbiamo scarse possibilità di correggere da soli i fenomeni di inquinamento e di desertificazione provocati, a livello mondiale, da una mentalità predatoria sorretta da una deleteria corsa al profitto nei confronti della natura, sarebbe invece nelle nostre possibilità promuovere politiche di risanamento e di prevenzione di futuri disastri.

La bellezza di Venezia è sfigurata non solo dalle alte maree, dai pregiudizi di un ambientalismo elitario che, sommandosi alle complicazioni e alle contorsioni burocratiche e istituzionali che hanno bloccato per anni il completamento del Mose, cioè il sistema destinato a regolamentare gli effetti delle maree, ma anche dal transito delle enormi navi passeggeri del Canal Grande e dall’assalto di un turismo di massa di per sé incompatibile con le dimensioni e la particolare struttura della città.

Lo stesso discorso, quello della assenza di capacità di programmazione e di prevenzione, vale per tanta parte del nostro territorio, dove si è costantemente ridotta, nonostante gli allarmi, la superficie agricola per dare spazio a colate di cemento che, saldate alla sempre più scarsa manutenzione delle aeree boschive, hanno compromesso equilibri che avevano retto per secoli.

Non solo la cattiva politica, ma anche i media, la stessa scuola e i nuovi mezzi di comunicazione di rapporti sociali hanno concorso a cancellare o attenuare, fino al limite, l’attenzione verso l’Italia dei borghi e delle campagne e a rendere fastidioso e innocuo ogni richiamo per una discusa coscienza ambientale.

Bisogna quindi invertire questo andazzo cogliendo anche l’emergere fra i giovani, sia pure minoranze, di disponibilità e di volontà orientate ad attività agro pastorali, gestendole con tutte le risorse della tecnica, e a ripopolare i nostri meravigliosi paesi.

Sarebbe perciò opportuno che i cattolici diventino protagonisti di iniziative nella politica e si diano per bussola gli orizzonti e gli insegnamenti di Papa Francesco che è nella tradizione della Chiesa e nel nome del santo del quale ha preso il nome.

Related posts

La catastrofe del centro sinistra in Umbria

Giampiero Catone

“Salviamoci la pelle…in vacanza”, al via campagna Unpli

Redazione

Fondi UE trascurati

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni