mercoledì, 29 Maggio, 2024
Politica

Grazie, Presidente Draghi per il suo impegno. Ora un Governo per la legge di Bilancio e poi il voto

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi si è dimesso, ponendo fine alle giravolte del Movimento 5S. Una conclusione che non ci saremmo aspettati per tanti motivi. Ne citiamo solo alcuni. Innanzitutto la indiscussa autorevolezza messa al servizio del Paese, la caratura internazionale e la pazienza del premier che in un periodo storico di eccezionali, difficili e imprevedibili avvenimenti ha saputo mantenere un grande equilibrio e prestigio istituzionale in Italia così come all’estero. Il secondo punto è legato al suo essere un economista che ha declinato le sue decisioni e attenzioni verso il rispetto delle famiglie e imprese in difficoltà e che ha posto tutele a garanzia di soggetti sociali più fragili. Ha dato spazio e sostenuto le richieste dei sindacati con un’ulteriore definizione del decreto Aiuti. Draghi fino all’ultimo ha voluto il dialogo con un movimento grillino ormai in rotta di collisione contro tutto e tutti.

Non sappiamo cosa ci riserverà il futuro, in un contesto così critico dove la geopolitica dominerà ancora per molto lo scenario internazionale e nazionale. Noi sappiano invece cosa chiedere al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: un Governo che approvi la legge di Bilancio, che sappia portare al termine le riforme che Draghi pazientemente ha condotto  in dirittura d’arrivo. Serve un Esecutivo che sappia rassicurare i mercati e tenga conto della complessità di una situazione difficile e delicata. Poi si torni alle urne. Lo sosteniamo con chiarezza. Non sono possibili ulteriori pastrocchi e accordi con forze politiche irresponsabili. La misura è davvero colma. Il voto chiarirà cosa chiedono gli italiani. Ascoltare  la voce del Paese è un dovere. Da troppo tempo si è creata una situazione dove la politica è le istituzioni sono state piegate ai capricci e alle velleità personali. Per ridare forza allo Stato e all’Italia servono elezioni e decisioni coerenti con la nostra Costituzione e con i valori democratici di un Paese che ha bisogno oggi più che mai di certezze e di futuro.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Giansanti (Confagricoltura): pratiche commerciali sleali, bene l’intervento del Governo a tutela dei produttori onesti

Angelica Bianco

Prandini (Coldiretti): costi e siccità compromettono l’agricoltura europea. Nuovi invasi per recuperare acqua e nei campi usare il digestato

Marco Santarelli

Di Maio fa quattro passi indietro

Carlo Pacella

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.