lunedì, 17 Giugno, 2024
Economia

Confturismo: mare e Italia per 28 milioni di turisti. 47 miliardi. Lo spettro di Omicron

I numeri delle vacanze dell’osservatorio Confturismo certificano una sorta di ritorno alla “normalità”. Il “new normal”del 2019 prima della tempesta pandemica. Un week-end a giugno, uno short break tra luglio e inizio agosto e una vacanza di almeno 7 giorni ad agosto. “Sono questi i programmi di circa 28 milioni di italiani”, calcola Confturismo, “che faranno le vacanze una o più volte, tra giugno e settembre, per un totale di 62,8 milioni di partenze, inclusi coloro che andranno all’estero e chi, per diversi motivi, non soggiornerà in strutture turistico ricettive”.

Estate con lo spettro Omicron

Ci sono, quindi, i presupposti per un’estate in linea con quella del 2019, se non addirittura al di sopra, a meno che “la diffusione di Omicron 5”, segnala la Confederazione, “non smorzi gli entusiasmi. I vacanzieri spenderanno a testa quasi 300 euro per un week end, 540 euro per una vacanza tra 3 e 6 giorni e 1.250 per la vacanza principale, quella di 7 giorni o più, riversando complessivamente nell’economia nazionale, con i loro acquisti, circa 47 miliardi di euro tutto compreso: trasporto, soggiorno, ristorazione, intrattenimento, shopping”.

Sulla spesa prima riflessione

E il budget di spesa risulta essere il primo elemento con cui gli intervistati fanno i conti, citato come motivazione di scelta della destinazione di viaggio dal 19,3% del campione, seguito dalla ricchezza delle attrattive del luogo e dalla qualità del paesaggio, rispettivamente al 13,5% e al 12,1%. “Un italiano su due ha già deciso e fissato tutto”, sottolinea Conturismo, “il 16% risponde di non avere bisogno di prenotare perché sceglierà una soluzione propria o andrà da amici o parenti, mentre il 31% ha già prenotato i servizi che gli servono. Del restante 50%, metà sono già attivi nel controllo delle disponibilità di strutture ricettive e mezzi di trasporto mentre gli altri ancora stanno decidendo”.
La prima ad essere concretamente programmata è la vacanza principale, quella di 7 giorni o più, come ha già fatto il 73% degli intenzionati ad andare via a luglio e il 65% dei vacanzieri di agosto.
 

Italia protagonista

Il mix delle destinazioni torna ad essere quello classico del periodo: 80% in Italia, 20% all’estero. “Sul primo versante”, evidenzia la Confederazione, “grande successo della Puglia, in vetta alla classifica delle preferenze, seguita da Sicilia e Toscana ma con ottime performance anche di Emilia Romagna, Sardegna e Calabria. All’estero si prediligono Grecia in prima battuta e, a seguire con un po’ di distacco, Spagna, Francia e Croazia”.

Voglia di mare

Sono scelte che ci parlano di una grande voglia di mare, che in effetti gli intervistati indicano come destinazione preferita nel 57% dei casi, seguito a distanza da montagna e città d’arte, tra il 13% e l’11% delle preferenze.
Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Accordo UNHCR e Sant’Egidio, corridoi umanitari esemplari

Cristina Calzecchi Onesti

Gas e luce, oneri di sistema per gli artigiani vanno ridotti

Ettore Di Bartolomeo

Ambiente: SNPA conferma il mare della Puglia il più pulito d’Italia

Valerio Servillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.