lunedì, 15 Agosto, 2022
Lavoro

Grazie a incentivi di Stato +24% nuovi contratti. Quasi tutti a termine

Apprendistato, Decontribuzione Sud, incentivo donne ed esonero giovani. Sono solo alcuni degli incentivi introdotti dallo Stato a favore delle imprese che nel 2021 hanno generato il 24% delle nuove attivazioni contrattuali (poco più di un milione e 700mila) sugli oltre 7 milioni di nuovi contratti. Incentivi che hanno prodotto più lavori a termine imposti al lavoratore per entrare nel mercato del lavoro, con la relativa fragilità contrattuale. È quanto emerge dal policy brief che l’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche...
Per accedere all'articolo completo devi essere abbonato ad uno dei nostri piani: Abbonamento Annuale o Abbonamento Semestrale. Se sei già abbonato effettua il log in
Sponsor

Articoli correlati

Agricoltura, Giansanti: “Sicurezza alimentare priorità agenda politica”

Redazione

Di Maio e Carfagna a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese del Mezzogiorno

Giulia Catone

Sviluppo. Cascone (Cna): Piano per il Sud, basta grandi stabilimenti, necessario puntare su imprese e innovazione

Angelica Bianco