sabato, 25 Maggio, 2024
Attualità

L’Ucraina chiede altre armi per contrastare l’offensiva russa

Le forze militari ucraine respingono con fatica l’avanzata russa in prima linea e ora il conflitto nel Donbass dipende dai rifornimenti di armi che provengono dall’Occidente. “Questa è ora una guerra di artiglieria e ora tutto dipende dagli aiuti dei Paesi europei” ha detto il vicecapo dell’intelligence militare ucraina, Vadym Skibitsky, al Guardian. In base all’ultimo aggiornamento dello Stato maggiore delle forze armate ucraine, la battaglia nella città di Severodonetsk continua e le forze militari russe hanno tentato di effettuare operazioni d’assalto in direzione degli insediamenti di Nyrkove e Mykolayivka respinti dai soldati ucraini.   Intanto continuano i contatti tra Kiev e i leader occidentali. Il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky hanno avuto un colloquio telefonico. Zelensky, in un tweet, ha spiegato di avere discusso della “situazione al fronte” e di “ulteriore supporto di difesa per l’Ucraina”.

“Particolare attenzione – ha aggiunto – è stata dedicata al percorso dell’Ucraina verso l’UE e stiamo coordinando i passi”.   Kiev, infatti, dopo aver presentato richiesta di adesione all’Unione europea, aspetta da Bruxelles il via libera allo status di candidato. “La maggior parte degli europei – ha evidenziato Zelensky nel suo discorso serale – sostiene l’integrazione dell’Ucraina. E se gli europei la supportano, i politici ancora scettici in alcuni paesi non dovrebbero opporsi alle persone, alla società e al corso stesso della storia europea”. Sul campo, intanto, in Ucraina si continua a combattere.

“Severodonetsk, Lysychansk e altre città del Donbass, che gli occupanti ora considerano obiettivi chiave, stanno resistendo”, ha detto Zelensky, che poi ha aggiunto: “Stiamo gradualmente andando avanti nella regione di Kharkiv, liberando la nostra terra. Manteniamo la difesa nella direzione di Mykolaiv”.   Secondo il consueto quadro presentato dall’intelligence britannica, i combattimenti intorno a Severodonetsk continuano e la Russia “ha di nuovo il controllo della maggior parte della città, ma le sue forze hanno fatto pochi progressi nei tentativi di circondare l’area più ampia da nord e da sud”. Per Londra, c’è difficoltà a fornire servizi pubblici di base nei territori occupati mentre Mariupol è a rischio di una grave epidemia di colera. “I servizi medici a Mariupol – si legge nel bollettino diffuso dalla Difesa del Regno Unito – sono probabilmente già vicini al collasso” e “una grave epidemia di colera” nella città “aggraverà ulteriormente” la situazione.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Meno armi, più pace? Solo per gli aggressori

Redazione

L’elmetto dei mercati è la razionalità

Diletta Gurioli

Fisco e magistratura sulla via di Damasco

Federico Tedeschini

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.