venerdì, 1 Luglio, 2022
Attualità

Sicurezza informatica, la miglior difesa è l’attacco

La polizia postale è stata brava e ci ha tranquillizzato. Gli attacchi hacker di Killnet non hanno causato danni permanenti alle strutture dei siti delle istituzioni del nostro paese, ma ne hanno solamente rallentato la funzionalità.
Anche l’Agenzia per la Cybersecurity ha emanato un comunicato in cui ha chiarito che i virus usati da ultimo non sono del tipo ransomware, cioè quelli che rubano dati e prevedono riscatti per restituirli.

In ogni caso, ciò che sta accadendo in questi giorni nel nostro spazio di sicurezza cibernetica non può lasciarci indifferenti. Gli attivisti filorussi di Killnet hanno chiaramente dichiarato guerra all’Italia, e noi dobbiamo difenderci. L’Europa deve difendersi da queste che sono, e saranno sempre di più nel prossimo futuro, le vere minacce alla sicurezza e alla democrazia dei paesi occidentali.

Questi ultimi sono drammaticamente indietro nell’avanzamento della cultura della protezione fisica e giuridica di internet e dei suoi confini. Si, perché l’unico vero problema rimane questo.

Assegnare allo spazio virtuale dei limiti da far rispettare a chiunque vi transiti. Il tutto deve passare, a mio avviso, almeno da due direttrici principali: la prima è quella di nuove leggi, che consentano gli attacchi difensivi alle postazioni rilevate come ostili ai nostri ordinamenti giuridici. La seconda opzione potrebbe essere quella di responsabilizzare direttamente le società e i governi che hanno la gestione diretta e indiretta degli spazi virtuali dove tutti quotidianamente navighiamo.

Non pensiamo infatti che gli hacker si fermino solamente ai siti delle nostre infrastrutture istituzionali, dato che è verosimile aspettarsi – Killnet lo ha peraltro già annunciato – dei tentativi di intromissione negli spazi di imprese strategiche, dell’informazione, oppure collegate alla sanità e alla sicurezza.

In un periodo nel quale la crisi economica del post pandemia e della guerra sfiancheranno sempre più il sistema economico privato, l’ultima cosa che possiamo permetterci sono i danni milionari derivanti da blocchi di attività e servizi a seguito di minacce sui software e su internet in generale.

L’utilizzo delle tecnologie informatiche è ormai talmente necessario e recepito anche nelle aziende più piccole del globo da rendere la sicurezza nazionale mai così tanto vulnerabile come in passato.
È tempo di scelte coraggiose anche contro i criminali del web.
*Ranieri Razzante, Consigliere per la Cybersecurity del Sottosegretario alla Difesa 
Sponsor

Articoli correlati

Energia. Bombardieri (Uil): l’Unione approvi i bond Ue per mitigare gli effetti della crisi e transizione ecologica

Gianmarco Catone

Sergio Lombardo, l’arte della ricerca del bello

Gianni Maiellaro

Nft e criptovalute rischio signoraggio 4.0

Giuseppe Miceli*

Lascia un commento