venerdì, 1 Luglio, 2022
Lavoro

Confcommercio: a rischio 200mila posti di lavoro causa illegalità

In Italia almeno 30mila imprese del commercio, della ristorazione e della ricettività sono oggi a elevato rischio usura: lo rileva una stima dell’ufficio studi Confcommercio. Nel paese l’illegalità costa alle imprese del commercio e dei pubblici esercizi quasi 31 miliardi di euro e mette a rischio circa 200mila posti di lavoro. La perdita annua in termini di fatturato e di valore aggiunto è pari al 6,3%.

In dettaglio, l’abusivismo commerciale costa 8,7 miliardi di euro, quello nella ristorazione pesa per 4,8 miliardi, la contraffazione per 4,1 miliardi, il taccheggio per 4,3 miliardi. Gli altri costi della criminalità (ferimenti, assicurazioni, spese difensive) ammontano a 6 miliardi e i costi per la cybercriminalità a 2,8 miliardi. (ITALPRESS).

Sponsor

Articoli correlati

Confcommercio, moratorie e ristrutturazione dei debiti

Maurizio Piccinino

Fase 2, Confcommercio: subito sostegni economici per evitare il crollo

Maurizio Piccinino

Consumi, rapida discesa per gli acquisti. Confcommercio: dominano incertezza e troppi debiti. Imprese in gravi difficoltà

Angelica Bianco

Lascia un commento