martedì, 21 Maggio, 2024
Ambiente

Trasporti sostenibili per città a misura d’uomo

Il passaggio all’elettrico è la soluzione più accreditata per quanto riguarda la mobilità urbana. A Padova, in occasione della prima edizione di “Duezerocinquezero”, forum sull’energia e la sostenibilità promosso da AssoESCo – l’Associazione delle aziende italiane che promuovono, progettano, realizzano e facilitano gli interventi di efficienza – e patrocinato dai ministeri della Transizione Ecologica e delle Infrastrutture e dei Trasporti, si è parlato di “Un’economia a basse emissioni per città, imprese e mobilità sostenibili”.

Giovannini: pianificare e programmare senza politiche oscillanti

Il forum è stata l’occasione per il ministro delle Infrastrutture e la mobilità sostenibile, Enrico Giovannini, per annunciare un nuovo allegato “infrastrutture e trasporti” al Def di prossima uscita. “All’interno del documento abbiamo provato a fornire una visione più integrata del settore ferroviario, autostradale, dei porti, della logistica, della mobilità ciclabile. Interventi di pianificazione, interventi finanziari e riforme sono i tre pilastri su cui si deve basare il cambiamento di paradigma che abbiamo davanti, in vista della decarbonizzazione nel 2050”. E per passare dalle parole ai fatti è prevista anche la ricostituzione del comitato interministeriale per le politiche urbane.

Trasformare il trasporto pubblico in un insieme di servizi integrati

Il primo cambiamento previsto è il passaggio dal concetto di trasporto pubblico locale (TPL) a quello di mobilità locale sostenibile (MLS), in cui si devono integrare i servizi di sharing, ciclabilità e di tutte le altre forme di servizi che stanno emergendo per trasformare la mobilità in un insieme di utilities. “Non c’è solo il rinnovo del parco autobus – ha spiegato Giovannini -, ma le regole che riguardano le aziende locali di trasporto. Le proposte che formuleremo spero saranno oggetto di una delega nella legge sulla concorrenza”.

Elettrico via maestra per i veicoli piccoli. Problemi per i mezzi pesanti, navi e aerei

Gli studi sulla decarbonizzazione dei trasporti indicano che per moto, auto e veicoli commerciali la via da seguire è l’elettrificazione. Per gli autobus urbani si punta su una formula mista tra propulsione elettrica e a idrogeno, che però ha delle complicazioni in più per forniture e tempi di ricarica. Per i veicoli pesanti, navi e aerei le cose sono più complicate. Nel suo intervento incentrato sulle politiche d’incentivazione della mobilità sostenibile, il ministro ha precisato che “per i veicoli pesanti il mercato è diviso in varie parti, mentre nel settore marittimo e aereo ci sono problemi ancora più rilevanti, perché sono mezzi che si devono interfacciare con paesi lontani, coi quali serve un coordinamento, per permettere ai mezzi di avere carburante o energia sufficiente per tornare indietro”. Per maggiori dettagli il ministero presenterà nei prossimi giorni un nuovo Rapporto che si unisce a quelli già presentati nel 2022 sulla decarbonizzazione e l’impatto del cambiamento climatico sulle infrastrutture.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Campagna dell’Ama per le spiagge. La differenziata è un… costume

Cristina Calzecchi Onesti

L’insularità entra in Costituzione a Camere sciolte

Domenico Turano

41bis per gli scafisti? Immigrazione clandestina e tratta di persone

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.