domenica, 3 Luglio, 2022
Economia

“Fondo impresa femminile”. Da oggi le domande. In bando 200 milioni

Al via da oggi la procedura per concorrere al “Fondo impresa femminile” previsto dal Ministero dello Sviluppo economico. Il bando prevede uno stanziamento di 200 milioni di euro.

Da oggi le domande

A maggio e giugno per le imprese femminili arriva un’opportunità importante per crescere e consolidare la propria attività. È iniziata infatti la procedura per concorrere al “Fondo impresa femminile” previsto dal Ministero dello Sviluppo Economico per realizzare progetti innovativi nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, servizi, commercio e turismo. Le nuove imprese o quelle costituite da meno di 12 mesi potranno presentare le domande di adesione a partire dal 19 maggio mentre per tutte le altre la data è quella del 7 giugno.

Fondi agevolati e fondo perduto

Sul piatto ci sono 200 milioni di euro (160 di fondi Pnrr e 40 milioni già stanziati nella legge di bilancio 2021) sotto forma di contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati.
Inoltre, in una circolare del 12 maggio scorso, per sostenere ulteriormente l’imprenditoria femminile, il Mise ha rifinanziato con altri 200 milioni le misure agevolative Imprese On (Oltre nuove imprese a tasso zero), per la creazione di piccole e medie imprese, autoimprenditoria, Smart&Start e per aiutare start up e Pmi innovative, destinando per ciascuna linea 100 milioni di euro.

Consolidare le imprese donna

“Si completa così”, spiega una nota del Ministero, “il quadro di interventi previsti dal ministro Giancarlo Giorgetti nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza, che ha stanziato per le misure a favore della creazione, dello sviluppo e consolidamento di imprese guidate da donne un ammontare complessivo di 400 milioni di euro”.

Sponsor

Articoli correlati

Demanio. Cardinali (Cna): Direttiva Bolkestein, per il Consiglio di Stato inapplicabile alle concessioni prima del 2010

Marco Santarelli

Creare lavoro è la priorità

Giampiero Catone

Conte tira dritto e schiva gli scogli di Renzi

Giuseppe Mazzei

un commento

Lascia un commento