giovedì, 26 Maggio, 2022
Attualità

“Cryptovalute e cybersecurity europea”

Intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore ACN (Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale)

Il problema delle criptovalute è sicuramente un aspetto delicato della Cybersicurezza. Che tipo di regolamentazione serve e a che livello?
Sicuramente a livello Europeo, dove già qualcosa c’è stato. Non siamo all’anno zero. Ovviamente queste iniziative normative più sono condivise, più sono efficaci, perché il mondo cyber è un mondo che ha sbriciolato ogni tipo di frontiera e di confine, quindi l’arma nazionale può non essere completamente efficace a gestire fenomeni che per la loro natura intrinseca non sono nazionali.

Lei spesso sottolinea la necessità della sovranità nazionale sulla tecnologia che garantisce poi la Cybersicurezza. A che punto siamo in Italia?
Uno dei compiti per i quali è nata l’Agenzia per la Cybersicurezza è proprio stimolare l’autonomia tecnologica. È un percorso, un’attività ‘in progress’, una strada da intraprendere, un orizzonte da inseguire. L’autonomia tecnologica è un dato importante per quanto riguarda la sicurezza di un Paese. Ci vuole un’autonomia europea e in seconda battuta una nazionale: si tratta di un’operazione complessa.

Uno dei temi cruciali posti anche dalla guerra è quello della sicurezza europea. Si parla di forze armate comuni e di difesa comune. di esercito, di forze armate Europee e di difesa comune. Si può immaginare una Cybersicurezza comune a livello europeo?
Perché no? Sicuramente una forte collaborazione tra vari Stati c’è già e credo che questa collaborazione vada sempre più rafforzata. Deve essere estesa a quanti più attori possibili e se ci fosse una strutturazione comune è una riflessione utile che andrebbe fatta.

Sponsor

Articoli correlati

Dalla Conferenza sul Futuro le proposte per riformare l’Europa

Emanuela Antonacci

Fisco, dalla Commissione Ue proposta contro società di comodo

Redazione

Ue, Mattarella: “Difendere i valori, ma non deve essere una fortezza”

Francesco Gentile

Lascia un commento